Passa ai contenuti principali

Impresa compiuta: Analsi Euro U21 Italia-Germania



Pagina Facebook

L'Italia U21 si gioca tutto a Cracovia dopo aver perso contro la Repubblica Ceca che gioca contro la Danimarca. Di Biagio cambia un po gli interpreti, in difesa tornano Caldara e Barreca, mentre a centrocampo ritroviamo capitan Benassi e Gagliardini, in attacco dentro Chiesa dal primo minuto fuori Petagna, Bernardeschi prima punta.


Inizio shock per gli azzurrini di Di Biagio, al sesto punizione per Germania: palla in mezzo rete di testa ma annullata per un fuorigioco di un tedesco che partecipa all'azione facendo un velo di testa per il compagno. Italia che soffre molto nell'avvio di gara ma da Tychy arrivano ottime notizie, Andersen porta avanti la sua Danimarca già eliminata. L'Italia prende fiducia dopo il gol e tre minuti più tardi, infatti, Caldara su azione personale, sale, fa tunnel all'avversario ma viene messo giù da Kempf che viene ammonito. La punizione la batte Bernardeschi che prova a metterla sotto l'incrocio difeso dal portiere ma la palla esce di poco.
Verso il trentesimo Schick pareggia dall'altra parte, ma da noi, i tedeschi troppo sicuri delle loro abilità tecniche perdono palla dal limite su contrasto in scivolata di Pellegrini, il pallone arriva a Chiesa che serve Bernardeschi tutto solo in area, l'attaccante della Viola non sbaglia 1 vs 1 col portiere.


Dopo il gol si accende una mini-rissa perché Berardi spinge un difensore tedesco che evita all'attaccante del Sassuolo di prendere palla e andare a centrocampo, reagisce così il capitano tedesco alla fine l'arbitro estrae il cartellino sia per lui sia per Berardi. L'Italia prende fiducia dal e mette sotto pressione la Germania con continui tentativi di assedio mentre segna la Danimarca con Zohore. Italia incitata anche dal pubblico gioca bene, si vede molta qualità ma il raddoppio non arriva.
La Germania prova a reagire ma gli azzurri si difendono alla grande, l'arbitro però non fischia molti falli dei tedeschi e ammonisce tutto l'attacco azzurro esagerando anche un po. Viene ammonito quindi Berardi che era diffidato, sul finire del secondo tempo giallo anche Conti diffidato anche lui.
Inizia il secondo tempo non nei migliori dei modi, la Repubblica Ceca pareggia, l'autore del gol è Chory.
All'ora di gioca su cala un po di intensità degli azzurrini, si prova a gestirla ma ci sono troppi errori individuali.
Al sessantunesimo minuto però l'Italia si rende nuovamente pericolosa: Bernardeschi tra le linee serve col tacco Pellegrini che tira, la conclusione però finisce in corner grazie ad una gran parata del portiere tedesco. Dalla bandierina Chiesa, il figlio d'arte la mette sul secondo palo dove c'è Bernardeschi tutto solo che col destro coloisce al volo, viene però murato. Intanto Zohore va in doppietta portando nuovamente in vantaggio la Danimarca.
Al 78esimo primo cambio azzurro: Chiesa esausto lascia il posto a Petagna. Altra ottima prestazione per Federico Chiesa.
L'Italia ci prova ancora cercando il raddoppio, grandissima palla alta di Bernardeschi per Conti che clamorosamente sbaglia, Conti però era in leggermente avanti col ginocchio, bravissimo l'assistente ad accorgersene, altra segnalazione corretta ma difficile da vedere.
L'Italia la domina e ci prova tanto, i tedeschi si salvano sempre in extremis.
Al minuto numero 85 Berardi, buona la sua gara, entra Locatelli. Il modulo diventa un 4-5-1. L'Italia la gestisce e perde tempo, i tedeschi d'altra tornano sempre indietro visto che anche a loro conviene questo risultato.
Ingvartsen chiude definitivamente Repubblica Ceca-Danimarca mettendo il risultato col 4-2.
Finisce col risultato di 1-0 Italia-Germania, ultima gara della fase a gironi del gruppo C. Italia che si qualifica come prima del girone e incontrerà la Spagna, mentre i tedeschi affronteranno l'Inghilterra. Mini-biscotto dei tedeschi ai Cechi, fatto per passare come seconda ed evitare la Spagna, ma c'è da dire che la formazione ceca aveva il destino nelle proprie mani.


Ottima prestazione degli azzurri che vanno meritatamente avanti, l'Italia ha ammazzato la partita, ha saputo far male, non ha concesso molto ai tedeschi. L'unico difetto è stato che ha avuto spesso cali facendo addormentare un po la partita, ma poi sapeva riaccenderla benissimo con belle azioni. Tutto ciò che ha sbagliato l'Italia sono le azioni personali, non dobbiamo strafare bisogna lavorare di squadra.

Le Pagelle
:

Donnarumma: 6
Conti: 6
Rugani: 7
Caldara: 7.5
Barreca: 7
Gagliardini: 6
Benassi: 6.5
Pellegrini: 7
Berardi: 6.5
Chiesa: 7
Bernardeschi: 7
Petagna: 6
Locatelli: s.v.

Di Biagio: 6.5

Arbitraggio: 5


Tabellone Torneo:

Inghilterra-Germania (Tychy, 27 Giugno 2017, ore 18:00)

Spagna-Italia (Cracovia, 27 Giugno 2017, ore 21:00)



Se l'articolo ti è piaciuto lascia un like, nel caso contrario lascia un commento e dimmi cosa non ti è piaciuto. Seguite lasciate like alla Pagina Facebook, Il Blog del Tifoso. Un saluto, ci vediamo domani con un nuovo articolo.

Pagina Facebook

A cura di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…