Passa ai contenuti principali

Super...Lazio, i biancocelesti si aggiudicano il primo trofeo stagionale


Pagina Instagram
Pagina Google+
Pagina Facebook

Dopo una lunghissima attesa, finalmente ricomincia la stagione calcistica anche qui in Italia, il palcoscenico è quello dell'Olimpico di Roma, le sfidanti sono la Juventus e la Lazio, in palio c'è la Supercoppa Italiana, che dopo un "giro intorno" al mondo ritorna a casa nostra, in Italia, nel tempio della Lazio chiamata a sventare il Tabù Juventus, ben 10 sconfitte consecutive, l'ultima vittoria risale al 2013 quando in semifinale di Coppa Italia nel finale Floccari diede la vittoria ai biancocelesti. Dall'altra parte c'è la Juve che deve porre fine agli voci, alle sconfitte e ai pronostici che non la vedono più come la favorita.

Inzaghi si affida al 3-5-2 senza ne Anderson, Keita e Bastos, uno per infortunio, l'altro per ragioni di mercato, l'altro ancora per squalifica. Trai pali Strakosha, Wallace, De Vrij e Radu in difesa, Basta, Parolo, Leiva, Alberto, Lulic a centrocampo con Savic a supporto dell'unica punta Immobile. Allegri invece non mette in campo nessun nuovo acquisto, Buffon, Barzagli, Benatia, Chiellini, Alex Sandro, Pjanic, Khedira, Cuadrado, Dybala, Mandzukic e Higuain i titolari.


La prima occasione della gara è della Juve, Alex Sandro mette un cross basso per Cuadrado, ma Strakosha come in finale di Coppa Italia su Higuain, salva la porta della Lazio. Gli uomini di Inzaghi però mettono molto in difficoltà la Juve, che non riesce a impostare quando ne ha l'occasione, sbagliando continuamente grazie anche al pressing del centrocampo laziale. Al 30esimo la difesa della Juve si apre, Immobile penetra in area e Buffon lo stende, calcio di rigore che proprio l'ex Toro trasforma con una conclusione molto potente ma anche precisa, Buffon intuisce ma non può nulla.


Pochi minuti dopo Basta viene servito in piena area e da posizione defilata calcia ma il portiere capitano della Nazionale respinge, Leiva da 30 metri al volo inquadra la porta ma ancora Buffon mette in corner. Finisce il primo tempo con un meritatissimo vantaggio della Lazio, e la ripresa riprende la falsa riga della prima frazione, e al 51esimo su cross dalla destra ancora Immobile vola e con un perfetto stacco di testa fa esplodere la curva Nord.
Allegri prova a cambiare la storia della partita levando Benatia e Cuadrado per De Sciglio e Costa, è proprio il brasiliano a creare un po di pericoli alla Lazio che sente il calo fisico ma che comunque si difende molto bene. Al 75esimo Lukaku e Marusic sostituiscono Basta e Lulic, e cinque minuti dopo entra il classe '96 Murgia per sostituire Leiva vittima di forti crampi. Ma pochi minuti dopo la partita si riapre, punizione da 22,6 metri che il mancino di Dybala mette dentro e come nella maniera più inaspettata, a pochi minuti dalla fine Alex Sandro entra in area e proprio il neo entrato Marusic lo stende, rigore che trasforma ancora Paulo Dybala. Sembrerebbe tutto finito, un sogno distrutto per la Lazio, l'ennesimo, bisognerebbe rifare tutto, la partita sembrerebbe essere destinata ai supplementari, ma la voglia di vincere è più forte, in pieno recupero, incursione di Lukaku che arriva sul fondo mette in mezzo con un cross basso e Murgia realizza un sogno, l'Aquila mette le zampe sulla coppa e se la porta via, trofeo meritatissimo, "Abbiamo preso gol come dei polli" queste le parole di Allegri nell'intervista post-partita, quasi ad ingigantire una serata orribile per la Juve. Una prestazione straordinaria per Inzaghi e la sua squadra, partita perfetta per la Lazio che si porta a casa il primo trofeo della stagione.


Pagelle:

Strakosha: 6.5
Wallace: 6
De Vrij: 7
Radu: 7
Basta: 7
Parolo: 7.5
Leiva: 7+
Lulic: 7
Savic: 6.5
Immobile: 9
Marusic: 6
Lukaku: 7.5
Murgia: 8.5

Inzaghi: 9.5



Buffon: 6.5
Barzagli: 6-
Benatia: 4.5
Chiellini: 5
Alex Sandro: 6+
Khedira: 5-
Pjanic: 5
Cuadrado: 4.5
Dybala: 6.5
Mandzukic: 4.5
Higuain: 4
De Sciglio: 5
Costa: 6+
Bernardeschi: 5

Allegri: 5-


Segui il Blog del Tifoso su Instagram, Facebook e Google+ in modo da rimanere sempre aggiornati con il mondo dello sport e con il Blog. Ci vediamo prossimamente con un nuovo articolo.

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Leggi anche:

Riparte la Serie A, tutta da seguire sul Blog del Tifoso. Analisi del calendario

Il Mercato che farei S.S. Lazio

Pagella Stagione 2016-2017 S.S.C. Napoli

Top 11 Italiani non militanti in Serie A

Prove di Toro, i granata vincono il test amichevole con il Friburgo

Di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

Pagella Juventus 2016-2017

Pagella Juventus F.C.

Pagina Facebook

La Juventus anche quest'anno porta a casa sia la Tim Cup, sia la Serie A ma non riesce a vincere il suo reale obbiettivo, ovvero la Champions League dove si ferma solo in finale. Andiamo ad analizzare nello specifico le prestazioni dei singoli giocatori.
Voti in collaborazione con Mr. Tag Stefan
Descrizione a cura di Simone Palumbo

Gianluigi Buffon
: 8

A 39 anni è ancora uno dei giocatori chiave della Juve, spesso salva i bianconeri con interventi prodigiosi, peccato che non è riuscito ad alzare quel maledetto trofeo.

Neto Murara: 6

Quando viene chiamato in causa spesso fa desiderare, ma non è facile reggere il confronto con Buffon. Nel complesso offre buone prestazioni.

Elmil Audero: S.V.

Solo l'ultima giornata di campionato non è sufficiente per giudicare le prestazioni del portiere Italo-Singaporiano.

Giorgio Chiellini: 7.5

Ottima stagione per il gorilla che si conferma uno dei migliori al mondo nel suo ruolo, quest'anno si …

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…