Passa ai contenuti principali

Analisi Euro U21: Reppublica Ceca-Italia



Pagina Facebook

A Tychy davanti ad uno stadio gremito di tifosi cechi, l'Italia cerca i tre punti per andarsi a giocare il primo posto con la Germania sabato a Cracovia. Arbitra il francese Bastien.

Gli azzurri partono fortissimo, occasione dopo 15 secondi, cross basso dalla sinsitra di Bernardeschi non arriva nessuno. Minuto numero otto per poco Berardi non anticipa il portiere che si salva in extremis. Undicesimo minuto, rimessa per Conti che va da Pellegrini il centrocampista del Sassuolo si inserisce bene, finta, calcia ma la conclusione viene murata, arriva Bernardeschi che spreca tirando centrale. Ventunesimo destro al volo di Hasek dalla distanza, palla alta. Vantaggio Rep. Ceca, scivola Rugani e il capitano ceco, Travnik avanza, nessuno lo chiude e poi con un diagonale batte Donnarumma, una mazzata per gli azzurri che stavano dominando. Al venticinquesimo Pellegrini viene fermato in maniera irregolare, l'arbitro assegna un calcio punizone per gli azzurri batte Berardi, la sua conclusione sfiora il palo, sarebbe stato un gol bellissimo. Ventisettesimo da posizione defilata in area Schick tira ma Donnarumma in due tempi blocca. L'Italia domina ma come al solito non riesce a creare causa anche l'aggressività dei nostri avversari che ricorrono spesso al fallo tattico, infatti al trentesimo dieci falli per la Rep. Ceca e tre per l'Italia. Trentaseiesimo Petagna sbaglia e non serve Bernardeschi che era tutto solo. Un paio di minuti dopo proprio Bernardeschi tenta la botta da fuori ma trova Zima preparato. Punizione nel recupero, batte sempre Bernardeschi la palla sulla barriera e in corner che però non crea pericolo, finisce così il primo tempo. Prima frazione di gioco, non giocata benissimo da parte nostra, molto simile a quella contro la Danimarca con la differenza che avendo più abilità tecnica unità anche alla fortuna, i cechi sono riusciti a mettere a segno il gol del vantaggio.
Inizia il secondo tempo e l'Italia entra con lo stesso atteggiamento col quale aveva iniziato ma non riesce a concretizzare.
Al cinquantaquattresimo esce Grassi entra Chiesa, il modulo diventa il 4-2-3-1. Cinquantaseiesimo in area Bernardeschi calcia, riflesso del portiere. Sessantunesimo Petagna subisce fallo dal limite, batte Berardi grande riflesso portiere sulla respinta Rugani viene anticipato da due passi. Settantesimo pareggia Berardi, che stoppa il lancio per lui, prova a piazzarla, il portiere arriva col piede, la palla si alza a campanile e di testa l'attaccante del Sassuolo fa 1-1. Piccola curiosità nella partita con la Danimarca quando Cerri si è alzato Petagna a segnato, nella partita con la Repubblica Ceca quando Cerri si è alzato Berardi ha segnato, converrebbe farlo alzare più spesso.


Un minuto dopo alla rete azzurra, una conclusione pericolosa da parte dei cechi viene murata da Ferrari.
L'Italia ci crede e cerca il vantaggio, Chiesa punta l'avversario, cross basso, Petagna non arriva per un soffio.
Entra Gagliardini al 75esimo esce Bernardeschi si torna al 4-3-3. Contropiede azzurro, Berardi serve Petagna che spreca l'uno contro uno facendo un pallonetto che finisce sopra la traversa. Un paio di minuti dopo viene annullato un gol di Chiesa per un precedente fallo di Pellegrini nello sviluppo dell'azione. Sul contropiede successivo la Repubblica Ceca mette dentro con Havlik entrato per Hasek, la difesa non esiste. 83esimo entra Cerri per Cataldi. Al 85esimo rete straordinaria dalla distanza di Lüftner anche lui neoentrato. Inutili i tre minuti di recupero, Repubblica Ceca batte Italia 3-1 alla seconda giornata dei campionati europei under 21 in Polonia.


Analisi a freddo:

Veramente orrenda la prestazione azzurra, che non riesce a concretizzare nulla, o quasi, trova un Repubblica Ceca incitata dal pubblico, molto fortunata e con un portiere che ha fatto una prestazione formidabile. "Codardo" il tecnico dei nostri avversari che sul 2-1 leva un trequartista per un difensore e sul 3-1 leva una punta per mettere un altro centrale, passando così ad una difesa a sei uomini.

La lotta per le semifinali:

La strada che porta alle semifinali si fa più complicata per gli azzurri, ma come ha detto Di Biagio "Non tutto è perduto" è vero che ci avrebbe aiutato un pari tra Germania e Danimarca, mai i danesi sono usciti sconfitti per 3-0 e tornano a casa. È fondamentale vincere sabato a Cracovia, contro i tedeschi per qualificarsi. La nostra differenza reti e pari a zero ma nel caso riuscissimo a vincere ci porteremo avanti negli scontri diretti coi tedeschi.


Le pagelle:

Donnarruma: 5
Conti: 6
Rugani: 5.5
Ferrari: 6
Calabria: 6
Grassi: 5
Cataldi: 5.5
Pellegrini: 6-
Berardi: 6.5
Petagna: 5
Bernardeschi: 6


Se l'articolo ti è piaciuto lascia un like, nel caso contrario lascia un commento e dimmi cosa non ti è piaciuto. Seguite lasciate like alla Pagina Facebook, Il Blog del Tifoso. Un saluto, ci vediamo domani con un nuovo articolo.

A cura di Simone Palumbo.

Pagina Facebook


Commenti

Post popolari in questo blog

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…