Passa ai contenuti principali

Analisi Europeo U21: Danimarca-Italia



Diciotto giugno 2017, inizia il cammino azzurro dell'Italia Under 21 all'Europeo U21. L'avversario è la Danimarca, la squadra meno ostica da affrontare del girone degli azzurrini. Il primo tempo non è dei migliori, poche occasioni, la prima con Conti che stoppa la palla in area, tira ma il tentativo si spegne sul fondo dopo aver colpito l'esterno della rete. La seconda occasione degli azzurrini arriva al 29' quando capitan Benassi trova un po di spazio e calcia una botta, trova però una grande risposta del portiere che mette in calcio d'angolo. Dal punto di vista del gioco, l'Italia prova sempre ad attaccare ma non trova lo spazio e le idee, complice il fatto che Petagna è inesistente o quasi nella prima frazione di gioco e per quasi tutta la partita. Dalla parte opposta i danesi sono molto aggressivi, non per occasioni avute, ma per i vari falli commessi. Ad inizio ripresa gli uomini di Di Biagio cambiano registro, e al 54' dopo un rimpallo Pellegrini in rovesciata mette dentro, un gol di pregevole fattura.



Undici minuti più tardi i danesi ci provano con Ignvartsen ma niente da fare. Un minuto dopo per l'Italia esce Berardi entra Chiesa, la partita cambia, Chiesa prova a scatenarsi dando vitalità al gioco azzurro, da menzionare una bellissima azione dei nostri partita dal fantastico recupero palla di Rugani condito dal velo di Gagliardini per Chiesa e dal ritocco di quest'ultimo proprio per il centrocampista neroazzurro, che tira alto. Dal rinvio dal fondo causato dalla conclusione di Roberto Gagliardini nasce l'unica occasione pericolosa danese, un tiro a giro dei nostri avversari che trova un grande riflesso di Donnaruma, il portiere diciottenne non si lascia distrarre dagli sfottò e dalle banconote finte lanciate verso di lui.


Sul finire della gara si scatena Petagna che in tre minuti crea tre grandi occasioni delle quali l'ultima va in rete: un bellissimo gol in acrobazia per l'attaccante atalantino. I due minuti di recupero non cambiano la storia dalla partita, nella partita di esordio all'Europeo, a Cracovia gli azzurri battono la Danimarca per due reti a zero, nel complessivo bella prestazione anche se come ha affermato Mister Di Biagio, non si può non giocare nel primo tempo, vedremo la partita contro la Repubblica Ceca in programma mercoledì.


I primi tre punti verso il successo

Si sa quanto è importante vincere la prima per qualificarsi, specie se solo la prima del girone va direttamente in semifinale, l'Italia è riuscita a farlo pareggiando anche la differenza con la Germania che ha vinto 2-0 contro la Repubblica Ceca, nostra prossima avversaria con la quale bisognerà cercare di fare almeno tre reti sperando che i tedeschi ne facciano massimo due contro la Danimarca, così da andare allo scontro diretto favoriti proprio per la differenza reti. Dove può arrivare questa Italia? Come ne ho già parlato nello scorso articolo, l'Italia può vincere questo europeo, ma la prestazione offerta contro la Danimarca non è stata delle migliori considerando le potenzialità del nostro avversario. È anche vero che il nostro cammino è appena iniziato, sarà fondamentale vedere il nostro comportamento contro la Repubblica Ceca.


Le pagelle:

Donnarumma: 6+
Conti: 7
Rugani: 7
Caldara: 6.5
Barreca: 6.5
Benassi: 6
Gagliardini: 5.5
Pellegrini: 7
Berardi: 6.5
Petagna: 6+
Bernardeschi: 6
Chiesa: 7-
Grassi: 6

Lasciate un "mi piace" se l'articolo vi è piaciuto o scrivetemi ciò che non vi è piaciuto. Potete trovarmi anche su Facebook (Il Blog del tifoso), Instagram (@simone_palumbo20) e Google+ (Simone Palumbo)

Pagina Facebook
Profilo di Instagram
Profilo G+
A Cura di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…