Passa ai contenuti principali

Pagella F.C. Barcelona

Pagella F.C. BARCELONA


Portieri:

Ter Stegen: 6.5

La prima parte di stagione prendeva gol da ogni posizione e contro tutti poi la svolta, inizia a parare tutto e a fare prestazioni straordinarie che salvano più volte i blaugrana. Avesse fatto bene anche la prima parte magari la stagione sarebbe stata leggermente migliore.

Cillessen: 6

Ha fatto un poco di fatica all'inizio ma poi si è ambientato e ha iniziato a fare belle partite, il problema è che ha avuto uno scarso minutaggio.

Masip: S.V.

Impossibile da giudicare, non ci si ricorda nemmeno come gioca tanto che è in panchina, senza scherzare avrà giocato l'ultima volta quando militava nel Barça B

Difensori:

Sergi Roberto: 6

La stagione sarebbe da 4.5 visto che non sa difendere, lo salvano il gol col PSG (primo in blaugrana) l'impegno e il fatto che si è trovato a fare un ruolo che non è il suo e che non doveva proprio essere in quella posizione.

Vidal: 6.5

Avrei voluto dare 7, ma ha giocato troppo poco, colpa di Luis Erinque che prima decide di metterlo fuori rosa, poi quando decide di schierarlo dopo aver fatto grandissime partite si fa male e stagione finita, tornerà solo negli ultimi minuti della finale di Copa Del Rey vinta 3-1 contro l'Alaves.

Piqué: 6

Un sei stentato per l'ex MUN, una stagione non alla Piqué sotto le aspettative, a volte appare quasi svogliato, troppi errori e non ha mai avuto la cattiveria e la determinazione di andare a lottare su ogni pallone.

Umtiti: 6.5

Stesso discorso di Ter Stegen, il francese arriva in una delle piazze più importanti al mondo dopo aver fatto bene in una delle più importanti di Francia e all'europeo. Al primo impatto con l'ambiente catalano non fa benissimo, ma una volta che ha iniziato ad ingranare va benissimo e diventa una sicurezza dietro, o quasi. L'aiuto di Piqué e Mascherano sicuramente lo ha aiutato.

Mascherano: 6

Forse è stata l'ultima stagione per l'argentino col Barça e non è stata affatto male anzi. Quest'anno ha difeso abbastanza bene e svolto correttamente il suo lavoro in fase difensiva, certo poteva fare anche meglio. La ciliegina sulla torta è stata la rete su rigore nel 7-1 al Camp Nou contro l'Osasuna, sua prima rete in Blaugrana.

Mathieu: 6

Sbaglia qualcosa ma è l'ultima riserva, tutto sommato ha fatto una stagione decente alternando prestazioni pessime ad altre buone. Anche per lui dico che poteva fare decisamente meglio.

Jordi Alba: 7

Il migliore in fase difensiva, una sicurezza dietro. Fa tantissimo lavoro sporco e fa ripartite il contropiede, si sovrappone continuamente e quando è mancato è sentito. Un terzino stratosferico.

Digne: 6

Come sostituto di Alba va bene, non renderà come lo spagnolo in fase offensiva ma sa difendere, ha soddisfatto le attese.

Reparto difensivo: 4.5

Sembrerà strano visto che hanno avuto tutti la sufficienza, ma solo perché non mi sentivo di dare la colpa a qualcuno in particolare e perché le prestazioni dei singoli non sono male, ma nel complesso sono pessime. Buchi ovunque e un botto di gol presi specie dalle medie, senza difesa non vai da nessuna parte.

Centrocampisti:


Sergio Busquets: 6+

Per il mediano spagnolo buona stagione coronata anche da un gol il 13 in blaugrana. Recupera tanti palloni e aiuta in difesa. Se Puyol ha deciso di affidargli la 5 un motivo ci sarà.

Rakitic: 6.5

Discontinuo il centrocampista croato, alterna ottime prestazioni ad altre decisamente brutte, qualche volta sbaglia troppo ma comunque quando gioca da Rakitic è determinante. Da non scordare che a Madrid ha riaperto il campionato con un tiro a giro fantastico.

Iniesta: 6

Stagione sottotono per il catalano ma è comunque decisivo in diverse gare. Spero che non continui questo calo.

André Gomes: 5.5

Ci si aspettava molto di più dal portoghese che comunque ha fatto alcune buone prestazioni. Fino ad ora, però, non è stato all'altezza dei soldi spesi per strapparlo alle altre Big. Speriamo si rifaccia il prossimo anno.

Arda Turan: 5

Non è fatto per il Barça, quest'anno è stato anche peggiore dello scorso. Lui come tantissimi altri giocatori turchi, rendono bene con il 4-2-3-1 e quando giochi col 4-3-3 difficilmente fanno bene. Prestazioni mediocri per l'ex Atletico de Madrid. La scelta migliore per i blaugrana e per la sua carriera è cederlo.

Denis Suarez: 5

Ha deluso anche lui, ha giocato poco e quando lo ha fatto non ha impressionato nessuno, da uno che doveva essere il nuovo Xavi mi aspettavo decisamente meglio.

Rafinha: 5

Poco incisivo la sua presenza in campo non si notava, sarebbe meglio prestarlo.

Aleña: S.V.

Ha giocato troppo poco ma quelle poche volte ha dimostrato di avere un futuro radioso. Speriamo diventi il nuovo Iniesta

Centrocampo: 6.5

Bel gioco da parte dei centrocampisti azulgrana che come al solito impostano bene e corrono tanto, forse bisognerebbe curare meglio la parte difensiva.

Attaccanti:

Messi: 8

Il faro nelle notti buie al Camp Nou, le risolve quasi tutte lui e gran parte delle volte giocando praticamente da solo. Titolo di capocannoniere assolutamente meritato, un fenomeno assoluto uno di quelli che arriva ogni vent'anni se sei fortunato, indescrivibile.

Luis Suarez: 7.5

Ancora una volta si dimostra spietato sotto porta, il secondo miglior giocatore blaugrana attualmente, si fa trovare sempre pronto, una volta entrato in area di rigore difficilmente sbaglia, nell'uno contro uno col portiere è infallibile, si inserisce sempre alla grande e come se non bastasse fa salire la squadra. Il miglior bomber di tutto il mondo.

Neymar: 6

Sei stentato per l'ala brasiliana che gioca malissimo la prima parte di stagione ma poi si riprende, determinante nel passaggio del turno col PSG ma nelle altre competizioni è stato discontinuo.

Paco Alcacer: 5

Non gli ho dato quattro e mezzo solo per l'impegno. Soldi spesi male, ventuno partite, sei gol e tre assist (In Liga) troppo pochi per uno pagato così tanto. Tutti i gol sono arrivati solo nella seconda parte di stagione e sono stati tutti gol "facili". Ha reso bene quando è stato schierato ala sinistra.

Reparto offensivo: 7.0

Voto diviso tra la quasi insufficienza di Neymar e quella di Alcacer e le ottime performance di Messi e Suarez, in generale buono. Resta sempre il miglior attacco d'Europa.



Allenatore: 4.5

Luis Enrique ha grandi colpe degli scarsi risultati dei Blaugrana, se non ci fossero stati Messi e Suarez questa squadra avrebbe lottato per l'ultimo posto disponibile per l'Europa League. Ogni tanto se ne veniva con la difesa a tre distruggendo completamente la filosofia di gioco blaugrana. Decide di mettere fuori rosa l'unico terzino di ruolo e lo sostituisce mettendo in campo al suo posto un centrocampista. Non ha mai avuto ragioni sui cambi, fatta eccezione di Roberto al Camp Nou ma lì Cruijff ci ha assistito dal cielo, era tutto perfetto. L'unica cosa che ha evitato il quattro a Erinque sono state le sue capacità da motivatore.

Società: 4.5

Il Barça sapeva con due mesi di anticipo che Dani Alves sarebbe andato alla Juve, eppure la società non ha fatto nulla sulla fascia destra. Messi non ha ancora rinnovato, ma per il resto buono il mercato.


Complessivo: 5

Due trofei conquistati su quattro, i trofei in questione sono i meno importanti. Stagione segnata da umiliazioni in Spagna e in Europa, dal prossimo anno bisogna cambiare registro. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…