Passa ai contenuti principali

Champions League, il quadro completo del sorteggio. Analsi dei gironi.



È finalmente tornata la tanto attesa Champions League, giovedì dal Grimaldi Forum di Montecarlo sono stati sorteggiati i gruppi per la fase a gironi. Due debuttanti in questa edizione, i campioni dell'Azerbaijain del Qarabag e i tedeschi del RB Lipsia. Prima del sorteggio, è stato conferito il premio per la carriera a Francesco Totti e quello per il miglior portiere della scorsa UCL a Gigi Buffon. Iniziamo a vedere i gruppi, analizzandoli uno ad uno con i seguenti criteri: equilibrio e difficoltà per le italiane o per le big, userò una scala da 1-5.

Gruppo A


Molto fortunato José Mourinho, il suo United pesca un gruppo abbastanza abbordabile dove, se non in caso di clamorose sconfitte, i campioni dell'Europa League in carica ampiamente passare. L'unico problema lo può creare il Benfica.

Equilibrio: 3
Difficoltà: 2


Gruppo B


Nel girone B, si nota subito la sfida tra il Bayern di Ancelotti contro il suo passato, il PSG che con gli arrivi di Dani Alves, Neymar e forse di Mbappè si candida ad arrivare almeno in semifinale. Saranno due lotte una per il primo posto l'altra per l'Europa League.

Equilibrio: 3
Difficoltà: 3


Gruppo C


Sfortunatissima la Roma che prende uno dei gruppi più tosti di questa Champions, per gli uomini di Di Francesco sarà un'impresa eliminare una tra Chelsea e Atletico de Madrid che puntano ad arrivare il più lontano possibile.

Equilibrio: 4
Difficoltà: 4

Gruppo D:



Sarà ancora una volta Barça-Juve, i catalani hanno l'occasione per vendicarsi della sconfitta da parte degli uomini di Allegri nei quarti di finale dello scorso anno mentre i tifosi Juventini non si sono scordati del 3-1 di Berlino, sarà una doppia sfida imperdibile. Ma non sono da sottovalutare Olympiacos e Sporting.

Equilibrio: 4
Difficoltà: 3


Gruppo E:


Dopo il passaggio del turno nei playoff gli uomini di Klopp ritrovano la Champions e, almeno secondo i pronostici, sono destinati a starci almeno fino a marzo perché il gruppo non nasconde molte insidie per i Reds.

Equilibrio: 3
Difficoltà: 3

Gruppo F:



A differenza della Roma il Napoli si trova ad affrontare un gruppo abbastanza abbordabile, anche se non bisogna sottovalutare nessuno. Sarà molto interessante vedere il confronto tra Sarri e Guardiola, il tecnico spagnolo ha definito il Napoli tra le prime 3 d'Europa per il gioco, motivo in più per vedere i match dei partenopei contro il City, squadra contro la quale il Napoli ha debuttato in Champions League.

Equilibrio: 3
Difficoltà: 3

Gruppo G: 


In assoluto il gruppo più "semplice" di tutta la Champions League. Anche se semplice non è visto che tutte le squadre sono più o meno sullo stesso livello, ma di sicuro nessuna è una delle candidate per la vittoria finale.

Equilibrio: 4
Difficoltà: 3

Gruppo H: 


Il destino mette davanti per il secondo anno di fila il Dortmund contro il Real Madrid, ma a complicare i piani di passaggio del turno dei tedeschi e dei Blancos c'è il Tottenham che non starà a guardare.

Equilibrio: 4
Difficoltà: 5


Ci si prepara ad una vera battaglia che alla fine vedrà un solo vincitore.


Passa sulle pagine Facebook, Instagram e G+ del Blog del Tifoso. Troverai numerosi aggiornamenti sul mondo dello sport, ma non solo: formazioni ufficiali, live, sondaggi, consigli per il tuo Fantacalcio, e altro ancora.


Di Simone Palumbo.



Commenti

Post popolari in questo blog

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…