Passa ai contenuti principali

L'Inter non fallisce neanche la seconda, Icardi e compagni espugnano l'Olimpico.


Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Torna all'Olimpico Spalletti, questa volta da ex, sulla panchina dell'Inter, Inter che non vince a Roma contro i giallorossi da nove anni ma che ha voglia di rimediare.
Spalletti si affida allo stesso undici che ha battuto la Fiorentina con la novità di Valero trequartista e Gagliardini al posto di Brozovic che non ha convinto, mentre Eusebio Di Francesco sposta l'ex Jesus sulla destra al posto di Peres e mette Fazio centrale nella difesa a quattro.

Ed è proprio dell'argentino la prima occasione della gara, da calcio d'angolo il difensore romanista sfiora il gol, la palla finisce di poco a lato. Al minuto 12, Icardi entra in area, un rimpallo lo favorisce e conclude a porta vuota, ma clamorosamente sbaglia. Due minuti più tardi Kolavor cerca di ripetersi dopo la rete contro l'Atalanta, colpisce il pallone al volo ma la palla si schianta contro il palo, passa un minuto e il popolo giallorosso festeggia il primo della stagione di Dzeko, il bosniaco mette alle spalle di Handanovic dopo aver stoppato l'assist di Nainggolan.


Al 17esimo su cross di Candreva Valero di testa sbaglia, la palla finisce alta. Dieci minuti dopo però, ancora la Roma che sfiora il 2-0, Dzeko colpisce dal limite dell'area Handanovic para in due tempi, i giallorossi sfiorano il raddoppio a sei minuti dalla fine della prima frazione, Nainggolan ci prova da trenta metri ed è molto sfortunato, la palla si schianta sul legno. L'ultima occasione del primo tempo però è dell'Inter, Icardi in area prova a metterla sul primo palo ma trova la risposta di Alisson.
Cambio all'Intervallo per l'Inter esce Gagliardini entra Joao Mario. La ripresa inizia con un paio di occasioni per parte e all'ora di gioco la Roma colpisce il terzo legno, questa volta con Perotti che con il destro a giro prende l'incrocio dei pali e due minuti più tardi, oltre al danno la beffa, Candreva si accentra e scarica su Icardi, la palla è leggermente lunga ma l'argentino ci arriva, si gira e mette a segno il gol del pareggio dell'Inter. La Roma non ci sta, El Shaarawy entra in area e con un pallonetto batte Handanovic ma Dalbert spazza via il pallone prima che possa entrare. Al 77esimo Perisic dalla sinistra mette un cross basso in area, Icardi lo controlla si gira benissimo e mette dentro il gol del vantaggio interista, micidiali ancora una volta Icardi e Perisic.


Icardi scatenato, l'argentino servito splendidamente da Borja Valero si presenta davanti ad Alisson, prova a piazzarla sul primo palo ma Alisson para la conclusione. A otto minuti dalla fine Nainggolan prova la conclusione dal limite calcia, il tiro viene intercettato da Dalbert, il belga arriva nuovamente sul pallone ma spara alto, sbaglia un rigore in movimento. Al 86esimo l'Inter mette a segno il 3-1, Perisic arriva sul fondo e mette un cross basso che Vecino trasforma nella sua prima rete da interista. Al 92esimo l'ultima occasione della partita, Perisic serve Mario, ma Alisson si salva.

Finisce così una gara molto bella e combattuta, un brutto primo tempo dell'Inter e una super ripresa contro una Roma sfortunata e poco concreta, tre pali e un rigore non assegnato. Il lavoro di Spalletti si sta vedendo, la Roma, prossima ad acquistare Schick, ha bisogno di migliorare ancora qualcosa in difesa.


Pagelle:

Alisson: 6.5
Jesus: 5
Manolas: 5
Fazio: 5.5
Kolarov: 6
De Rossi: 6
Nainggolan: 6.5
Strootmann: 5.5
Perotti: 6.5
Defrel: 5
Dzeko: 6.5
El Shaarawy: 5.5
Under: S.V.
Tuminiello: S.V.

Di Francesco: 5.5

Complessivo: 5.5

Handanovic: 6
D'Ambrosio: 5
Skriniar: 5.5
Miranda: 6
Nagatomo: 5
Gagliardini: 5
Vecino: 6+
Candreva: 6
Valero: 5.5
Perisic: 7.5
Icardi: 9
Mario: 6+
Dalbert: 7
Cancelo: S.V.

Spalletti: 7

Complessivo: 7


Dai un'occhiata alle pagine social del Blog del Tifoso, troverai flash di mercato, ultime notizie, formazioni, ufficiali, sondaggi, consigli per il tuo Fantacalcio e tanto altro.
Dì la tua, clicca le tre lineette in alto a destra e seleziona la tua risposta alla domanda proposta.

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…