Passa ai contenuti principali

Messi Show, il Barça vola. 0-2 secco a Vitoria contro l'Alavés.


Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Dopo la vittoria per 2-0 contro il Betis al Camp Nou, dopo aver ufficializzato l'arrivo di Dembélé, nel giorno della presenza numero 400 di Piqué il Barça va a Vitoria ad affrontare il Deportivo Alavés, Valverde si affida a otto canterani con Vidal nel tridente a destra e con Sergi Roberto terzino destro.

Dopo cinque minuti il Barça ha la prima occasione della gara, Deulofeu servito da Iniesta si gira e calcia, bella parata dell'ex Madrid Pacheco. Al dodicesimo Pedraza si invola sulla fascia lasciata scoperta da Sergi Roberto, il giocatore dell'Alavés va a calciare il tiro non è un granché, sulla conclusione si avventa Sobrino che clamorosamente sbaglia ma era in fuorigioco. Non succede quasi fino alla mezz'ora quando da un calcio di punizione battuto da Messi, Piqué viene messo giù da Rodrigo Ely, l'ex Milan si prende il giallo il Barça, invece, il calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Messi che mira all'angolo sinistro, Pacheco intuisce e riesce a parare. Finisce il primo tempo con quattro ammoniti e sul punteggio di 0-0, il Barça ha dominato il possesso palla ma non è riuscito a creare sbocchi.
La ripresa inizia con un'occasione per l'Alavés, Wakaso apre per Sobrino che mette un cross basso in area, non arriva Mano Garcia. Al 55esimo, cross basso di Jordi Alba, Messi anticipa Mano Garcia e calcia una bomba sul primo palo, Pacheco la tocca ma la palla finisce lo stesso in rete. Gol numero 350 in Liga per Messi.


Nove minuti più tardi, da un cross dalla destra di Deulofeu Alba calcia di prima intenzione ma spara alto. Due minuti dopo Messi trova la doppietta, Alcacer prova a servire la Pulce, Alex intercetta il passaggio ma lo spagnolo di testa riesce a dare la sfera all'argentino che non sbaglia, mettendo sente il 2-0 con una bellissima conclusione al volo.
Al settantacinquesimo sempre la pulce, Messi sfiora la tripletta ma il suo tiro da posizione centrale prende la traversa.
Finisce 2-0 all'Estadio Mendizorrotza di Vitoria, il Barça riesce a vincere come contro il Betis, dominando la partita (Oltre il 70% di possesso palla) non concedendo quasi nulla, e segnando due reti in pochi minuti approfittando di un calo di concentrazione degli avversari. Inutili i cambi di Zubeldía che ha provato ad inserire due attaccanti ex Madrid, Burgui e Hernandez, quest'ultimo figlio di Zinedine Zidane. Giornata da ricordare per il Barça, gol numero 350 e 351 per Messi e presenza numero 400 per Piqué oltre al debutto di Paulinho.

Pagelle:

Ter Stegen: 6+

Non ha dovuto faticare molto ma è stato reattivo quando è stato chiamato in causa.

Sergi Roberto: 6

Dimostra ancora una volta che non è un terzino, sulla fascia bassa non è esistito, mentre in fase offensiva molto bene.

Piqué: 6

Qualcosa ha sbagliato ma nel complessivo abbastanza bene.

Umtiti: 6.5

Molto bene il francese capace sempre di stoppare sul nascere i contropiedi avversari.

Jordi Alba: 6.5

Bene come al solito in fase offensiva, niente da rimproverargli.

Sergio Busquets: 6

Ha sempre avuto il controllo del centrocampo, come al solito.

Rakitic: 7

Grande contributo in fase offensiva unito a tanto lavoro sporco per il croato.

Iniesta: 6.5

Nonostante non sia nella miglior condizione ha dimostrato di essere il migliore nel suo ruolo, solo un pallone perso in 88 +2 minuti.

Vidal: 5

Brutta partita dello spagnolo, ha faticato da ala sbagliando tutti i movimenti.

Messi: 8

Nonostante il rigore sbagliato si dimostra il migliore in campo, senza di lui il Barça non sarebbe dov'è ora.

Deulofeu: 7

Grande prestazione, continui inserimenti e movimenti perfetti, ha dimostrato di essere stato un buon acquisto.

Paco Alcacer: 6+

Assist per il raddoppio di Messi e prestazione abbastanza buona per lo spagnolo.

Denis: 6+

Si è approcciato bene con la partita.

Paulinho: S.V.

Ha giocato troppo poco, ma questo è un giorno che ricorderà in quanto il suo debutto con la casacca blaugrana.

Valverde: 6.5

Rispetto alla gara con il Betis, un po meno palle gol create e un po più concesse, ma il Barça ha dominato in lungo e in largo. Ha sbagliato qualcosa dell'undici iniziale mettendo Roberto terzino, cambi comunque azzeccati.

Complessivo: 6.5

I blaugrana hanno saputo colpire al momento giusto, concedendo poco ma non creando tantissimo, la squadra è ancora Messidipendente, ma il lavoro del tecnico si vede.


Dai un'occhiata alle pagine Instagram, Facebook e Google+ troverai flash di mercato, sondaggi, risultati finali e in tempo reale, consigli per il tuo Fantacalcio, anticipazioni sui nuovi articoli e tanto altro.
Dì la tua: clicca sulle tre lineette in alto a destra e seleziona la tua risposta alla domanda chiesta.

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…