Passa ai contenuti principali

Speciale: 30 anni di Messi




Speciale: 30 anni di Messi.


Oggi compie gli anni uno se non il migliore giocatore della storia del calcio, sto parlando di Lionel Messi e questo è un tributo alla sua carriera, uno speciale sulla sua vita professionistica e su quella privata.

Lionel Messi Andrés Cuccitini nasce il 24 maggio 1987 a Rosario in Argentina da mamma Celia. Il piccolo Leo si dimostra sin da subito un talento speciale. Con la maglia del Newell's Old Boy mette a segno in 179 gare la bellezza di 234 marcature, dati che giungono agli occhi di diverse società. A Lionel però, all'età di 11 anni viene diagnosticata l'ipopituitarismo, malattia che porta spesso al deficit degli ormoni della crescita ed il suo trasferimento al River Plate salta. È il Barça però ad aggiudicarselo facendogli fare un provino che durò pochi minuti, si capì da subito infatti che quello non era un giocatore come gli altri e il d.s. del Barça Rexach lo fa firmare su un tovagliolo in mancanza di un vero contratto. Il Blaugrano inoltre offrono anche le cure mediche di cui Leo aveva bisogno.
All'età di 14 anni Leo Messi viene scartato dal Como di Preziosi perché fu considerato troppo gracile.
Il 16 ottobre 2004 il tecnico del Barça Rijkard scrive la storia, a dieci minuti dalla fine di un Barça-Espanyol esce Deco, l'autore del vantaggio Blaugrana, lo stostiusce Lionel Messi. Da lì la Pulga scenderà in campo altre 584 volte coi catalani mettendo a segno ben 510 gol, sempre con dedica alla nonna fondamentale per il passaggio in Blaugrana del nipote e scomparsa nel '98.


La prima marcatura di Leo a livello professionistico è stata il primo maggio 2005: su assist del mitico Ronaldinho, Messi stoppa il pallone e con un delicatissimo cucchiaio mette a segno la sua prima rete. La stagione seguente Messi inizia a giocare con più regolarità segnando otto reti ma soprattutto fornendo ottime prestazioni anche contro squadre come Real Madrid e Chelsea, quell'annata vede anche il debutto in nazionale della pulce, che però viene rovinato per un rosso dopo pochi secondi dal suo ingresso in campo. Purtroppo la sua seconda stagione da professionista si interrompe prima del dovuto, infatti l'Argentino a marzo subisce un grave infortunio che gli fa finire l'annata in anticipo, questo però non gli impedisce di giocare il mondiale 2006. Messi comunque alzerà la Champions League portando il primo trofeo europeo della sua carriera. Nella stagione seguente Leo verrà accostato a Diego Armando Maradona grazie a delle reti molto simili ai gol del Pibe de Oro.


Nella stessa stagione Messi metterà a segno una tripletta al Madrid e concluderà con 17 gol totali. Confermerà le sue ottime prestazioni anche l'annata dopo.
La stagione seguente vede l'arrivo di Guardiola e al primo anno il Barça diventa la prima squadra a vincere il triplete del quale Messi è protagonista. Con Pep, Messi vivrà gli anni migliori a livello statistico della sua carriera, infatti nel 2009 viene eletto pallone d'oro con 473 voti, nella stagione seguente grazie a 34 gol in Liga diventa il giocatore con più marcature in un solo anno del campionato spagnolo, e proprio in quella stagione mette a segno il suo gol numero 100 in Blaugrana. A fine anno vincerà il suo secondo pallone d'oro. Nel 2011 Messi è uno dei protagonisti della vittoria della UEFA Champions League del Barça e nel 2012 Messi metterà a segno la miglior stagione della sua carriera mettendo a segno ben 73 reti, delle quali 50 in Liga, in sole 60 gare. Diventa anche il miglior marcatore della storia del Barça.


Negli anni seguenti Messi vincerà due palloni d'oro ed una Champions League ma perde la finale della FIFA World Cup 2014 con l'Argentina e anche due finali di Copa America consecutive lasciando, solo per pochi giorni, la nazionale. Il 23 Aprile 2017, Messi nel Derby con Madrid segna all'ultimo istante di gara il gol vittoria e la sua rete numero 500 coi Catalani.


Messi e i compagni di reparto

Nel corso della sua carriera Messi ha giocato con tantissimi attaccanti ai quali ha sempre fornito e ricevuto molti assist. Trai tanti citiamo Ronaldinho, David Villa, Eto'o, Suarez e Neymar coi quali Leo ha sempre avuto un buonissimo rapporto di amicizia.


La vita privata

Il 30 giugno Messi si sposerà a Rosario con Antonela Roccuzzo, la coppia ha due figli, Thiago nato nel 2012 e Mateo nato nel 2015.


Frasi su Messi

"Meglio 90' con Messi che una stagione con Cristiano Ronaldo" Neymar

"Ciò che rende Messi migliore è la sua regolarità. Non come Maradona. Al Barça, Maradona è stato meno della metà di Messi. Ha così tanti anni buoni della sua carriera deve essere considerato il migliore in assoluto" Gerard Piqué

"È come un giocatore della PlayStation. È nettamente il migliore del mondo" Arsène Wenger

"Per me è sicuramente più forte di Cristiano Ronaldo, tanto più che io sono abituato a vedere anche l'uomo, non solo il calciatore: Messi, per come si comporta in campo, è un esempio per i ragazzi" Paolo Maldini

"Gioca a calcio come Gesù. La cosa migliore è che Leo sia argentino, non brasiliano, spagnolo, tedesco, francese o italiano e tutti dovranno riconoscere che il migliore del mondo è nato in questo paese.
Sì, Messi è il nuovo me. Tanti sono stati accostati a me, ma credo che con lui si sia definitivamente trovato il mio erede. È capace di azioni uniche, di magie irripetibili con il pallone, e tutto ciò lo rende speciale. Ma non solo: è un fenomeno anche nel gioco di squadra, sacrificandosi spesso per i compagni. Pressa e difende come tutti gli altri in fase di non possesso. E poi, quando gli arriva la sfera, è capace di cose che non ti aspetteresti mai.
Vedere giocare Messi è meglio che fare sesso" Diego Armando Maradona

"Messi? È il miglior giocatore di tutti i tempi, ha fatto la storia del Barcellona e del mondo in generale. Sono felice, perché è un grande calciatore ma soprattutto una grande persona" Diego Milito

"Messi è da playstation" Zlatan Ibrahimović

"Messi è dieci spanne su tutti gli altri. Negli ultimi cinque anni ha fatto centinaia di gol ed ha una continuità devastante." Antonio Cassano


Curiosità

Quando Messi arrivò in prima squadra Ronaldinho lo presento dicendo che era il suo fratellino.

Il cantante preferito di Messi è Eros Ramazzotti.

Leo è un vero dormiglione, di solito dorme più di dieci ore di notte e spesso dopo pranzo fa qualche riposino.

All'età di nove anni un dirigente della sua società fece una proposta al piccolo Leo: avrebbe avuto un gelato ogni 100 palleggi. Una volta superò quota mille e guadagnò 10 gelati.


Feliz Cumple Leo 

Se l'articolo ti è piaciuto lascia un like, nel caso contrario lascia un commento e dimmi cosa non ti è piaciuto. Seguite lasciate like alla Pagina Facebook, Il Blog del Tifoso. Un saluto, ci vediamo domani con un nuovo articolo.

Pagina Facebook

A cura di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…