Passa ai contenuti principali

Milan-Craiova, San Siro ritrova l'Europa e i ragazzi di Montella sono ai Play-off.




Nel giorno della presentazione di Bonucci e Biglia, San Siro riabbraccia il clima Europeo dopo più di tre anni, il palcoscenico è quello del terzo turno preliminare di Europa League, l'avversario è il Craiova di Devis Mangia, l'ex tecnico dell'under 21 deve provare con i suoi uomini a fare l'impresa ribaltando il risultato in Romania, un passivo pesante se pur un semplice 1-0 perché il divario tecnico è netto e come se non bastasse questa diventa la gara di un turno di qualificazione all'Europa League più vista della storia, ben 65.736 persone presenti al Meazza. Arbitra il Bulgaro Popov.


Ritmi diversi rispetto all'andata, il Milan crea varie occasioni e si vede anche un gol stupendo di Kessiè annullato per fuorigioco precedente. Al minuto otto un perfetto cross di Conti trova Niang che spreca, un difensore del Craiova mette in corner. Sul calcio d'angolo il portiere prova ad allontanare di pugno il pallone, Bonaventura si avventa sulla sfera e a porta spalancata non può sbagliare, torna al gol dopo quel brutto infortunio dello scorso inverno rimediato contro l'Udinese.


Dopo una ventina di minuti si sveglia però Il Craiova e al ventesimo grande inserimento di Mitriţa che sbaglia però un rigore in movimento, grandissima parata dell'attessimo Donnarumma. Sulla ripartenza del Milan, Rodríguez va a calciare da fuori area ma trova un buon riflesso del portiere. Il Milan soffre molto sulla fascia sinistra dove sbaglia molto Niang anche se non è un terzino e ne approfittano i Rumeni. Le emozioni durano una decina di minuti poi una volta ripreso il gioco dopo una pausa concessa dal direttore di gara a causa dell'eccessivo caldo. Al quarantaduesimo Suso calcia dalla distanza il portiere respinge, Conti arriva sul pallone ma angola troppo la conclusione di prima intenzione. Ad inizio ripresa il Milan trova il raddoppio, cross dalla sinistra di Rodríguez su calcio di punizione, rimpallato mette dentro il giovanissimo Cutrone, primo gol da professionista in carriera per giunta a San Siro e in Europa. Al 65esimo esce Suso ed entra Çhalanoğlu, il turco debutta a San Siro e il pubblico lo accoglie con tanti applausi, come quanti ne sono riservati cinque minuti più tardi a Cutrone che lascia il posto ad André Silva.
A dieci minuti dalla fine, grande giocata di Çhalanoğlu che mette un cross per la testa di Niang, gran riflesso del portiere che mette in calcio d'angolo mentre Bonaventura lascia spazio a Borini.

Partita sulla falsa riga dell'andata con la squadra di Montella che va in vantaggio e lo conserva anche se la gara vede molte più emozioni. I rossoneri comunque con un 3-0 complessivo passano il terzo turno di qualificazione e ora accederanno ai play-off per entrare nella fase a gironi. Sconfitto ma a testa alta il C.S.U. Craiova, gli uomini di Mangia hanno dimostrato di crederci da subito.

Pagelle:

Donnarumma: 6.5
Conti: 6+
Zapata: 6+
Musacchio: 6+
Rodríguez: 6
Kessiè: 6+
Locatelli: 5+
Bonaventura: 7
Suso: 7
Cutrone: 6.5
Niang: 5-
Çhalanoğlu: 7-
Silva: 6-
Borini: S.V. 

Montella: 7

Complessivo: 7-


Segui le pagine social del Blog del Tifoso  in modo da rimanere sempre conesso col Blog e con il mondo dello sport. Ci vediamo prossimamente con un nuovo articolo.

Potrebbe interessarti anche:




Di Simone Palumbo.



Commenti

Post popolari in questo blog

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

Pagella Juventus 2016-2017

Pagella Juventus F.C.

Pagina Facebook

La Juventus anche quest'anno porta a casa sia la Tim Cup, sia la Serie A ma non riesce a vincere il suo reale obbiettivo, ovvero la Champions League dove si ferma solo in finale. Andiamo ad analizzare nello specifico le prestazioni dei singoli giocatori.
Voti in collaborazione con Mr. Tag Stefan
Descrizione a cura di Simone Palumbo

Gianluigi Buffon
: 8

A 39 anni è ancora uno dei giocatori chiave della Juve, spesso salva i bianconeri con interventi prodigiosi, peccato che non è riuscito ad alzare quel maledetto trofeo.

Neto Murara: 6

Quando viene chiamato in causa spesso fa desiderare, ma non è facile reggere il confronto con Buffon. Nel complesso offre buone prestazioni.

Elmil Audero: S.V.

Solo l'ultima giornata di campionato non è sufficiente per giudicare le prestazioni del portiere Italo-Singaporiano.

Giorgio Chiellini: 7.5

Ottima stagione per il gorilla che si conferma uno dei migliori al mondo nel suo ruolo, quest'anno si …

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…