Passa ai contenuti principali

Milan-Craiova, San Siro ritrova l'Europa e i ragazzi di Montella sono ai Play-off.




Nel giorno della presentazione di Bonucci e Biglia, San Siro riabbraccia il clima Europeo dopo più di tre anni, il palcoscenico è quello del terzo turno preliminare di Europa League, l'avversario è il Craiova di Devis Mangia, l'ex tecnico dell'under 21 deve provare con i suoi uomini a fare l'impresa ribaltando il risultato in Romania, un passivo pesante se pur un semplice 1-0 perché il divario tecnico è netto e come se non bastasse questa diventa la gara di un turno di qualificazione all'Europa League più vista della storia, ben 65.736 persone presenti al Meazza. Arbitra il Bulgaro Popov.


Ritmi diversi rispetto all'andata, il Milan crea varie occasioni e si vede anche un gol stupendo di Kessiè annullato per fuorigioco precedente. Al minuto otto un perfetto cross di Conti trova Niang che spreca, un difensore del Craiova mette in corner. Sul calcio d'angolo il portiere prova ad allontanare di pugno il pallone, Bonaventura si avventa sulla sfera e a porta spalancata non può sbagliare, torna al gol dopo quel brutto infortunio dello scorso inverno rimediato contro l'Udinese.


Dopo una ventina di minuti si sveglia però Il Craiova e al ventesimo grande inserimento di Mitriţa che sbaglia però un rigore in movimento, grandissima parata dell'attessimo Donnarumma. Sulla ripartenza del Milan, Rodríguez va a calciare da fuori area ma trova un buon riflesso del portiere. Il Milan soffre molto sulla fascia sinistra dove sbaglia molto Niang anche se non è un terzino e ne approfittano i Rumeni. Le emozioni durano una decina di minuti poi una volta ripreso il gioco dopo una pausa concessa dal direttore di gara a causa dell'eccessivo caldo. Al quarantaduesimo Suso calcia dalla distanza il portiere respinge, Conti arriva sul pallone ma angola troppo la conclusione di prima intenzione. Ad inizio ripresa il Milan trova il raddoppio, cross dalla sinistra di Rodríguez su calcio di punizione, rimpallato mette dentro il giovanissimo Cutrone, primo gol da professionista in carriera per giunta a San Siro e in Europa. Al 65esimo esce Suso ed entra Çhalanoğlu, il turco debutta a San Siro e il pubblico lo accoglie con tanti applausi, come quanti ne sono riservati cinque minuti più tardi a Cutrone che lascia il posto ad André Silva.
A dieci minuti dalla fine, grande giocata di Çhalanoğlu che mette un cross per la testa di Niang, gran riflesso del portiere che mette in calcio d'angolo mentre Bonaventura lascia spazio a Borini.

Partita sulla falsa riga dell'andata con la squadra di Montella che va in vantaggio e lo conserva anche se la gara vede molte più emozioni. I rossoneri comunque con un 3-0 complessivo passano il terzo turno di qualificazione e ora accederanno ai play-off per entrare nella fase a gironi. Sconfitto ma a testa alta il C.S.U. Craiova, gli uomini di Mangia hanno dimostrato di crederci da subito.

Pagelle:

Donnarumma: 6.5
Conti: 6+
Zapata: 6+
Musacchio: 6+
Rodríguez: 6
Kessiè: 6+
Locatelli: 5+
Bonaventura: 7
Suso: 7
Cutrone: 6.5
Niang: 5-
Çhalanoğlu: 7-
Silva: 6-
Borini: S.V. 

Montella: 7

Complessivo: 7-


Segui le pagine social del Blog del Tifoso  in modo da rimanere sempre conesso col Blog e con il mondo dello sport. Ci vediamo prossimamente con un nuovo articolo.

Potrebbe interessarti anche:




Di Simone Palumbo.



Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Rassegna Stampa (6 Luglio 2017)

Buona domenica a tutti oggi è giorno di rassegna stampa, ma prima di iniziare vi ricordo di seguire le pagine social del Blog del Tifoso e di attivare le notifiche relative ai post in modo da rimanere sempre aggiornati col Blog e col mondo dello sport. Iniziamo. 

La Gazzetta dello Sport:

Bolt the end, l'atleta giamaicano si ritira dopo il bronzo conquistato ai mondiali di atletica leggera a Londra.  Juve difesa al... verde, amichevole pessima per la Juve contro gli Spurs giocata con la terza maglia appunto verde.

QS:
In occasione dell'amichevole tra Wolfsburg e Fiorentina, la Viola ritrova Gomez il colpaccio che poi si rivelò Flop, dell'estate 2013.


Il Corriere dello Sport:

Anche il Corriere dedica la prima pagina alla brutta sconfitta a Londra della Juve ad opera del Tottenham. Spazio anche per il Napoli che affronterà Balo e il suo Nizza nei preliminari di Champions League, mentre Ancelotti porta a casa il primo titolo, dopo il pessimo pre-campionato.

Tuttosport:  Anche…

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…