Passa ai contenuti principali

Il Barça inizia bene la Liga, primi tre punti e liquidato il Betis.




Dopo la pesante sconfitta in Supercoppa contro il Madrid in Barça affronta la il Betis alla prima di campionato ma comunque nella tragedia per quello che è successo a Barcelona negli scorsi giorni, i blaugrana proprio per questa ragione scendono in campo con il lutto al braccio e con la scritta "Barcelona" sulle maglie al posto dei cognomi, nel pregara il minuto di silenzio è d'obbligo.


Dal punto di vista tattico, Valverde deve rinunciare a Suarez per infortunio, al suo posto Alcacer schierato però come ala sinistra, Messi al centro dell'attacco mentre Deulofeu a destra. In difesa Mascherano è preferito a Piqué, mentre sulle fascie basse il neo-acquisto Semedo e Alba, completano il reparto Ter Stegen e Umtiti. Roberto invece torna a centrocampo, mentre Rakitic è spostato sulla sinistra a sostituire Iniesta, Busquets in regia.


Il Barça ha la prima occasione dopo due minuti con l'ex Everton Deulofeu, che servito da Roberto calcia a lato. I blaugrana fanno fatica ad attaccare, la difesa del Betis marca bene gli attaccanti del Barça. Gli uomini di Valverde sfiorano il gol al 14esimo con Messi, la sua punizione va fuori di poco sfiorando l'incrocio. Dieci minuti più tardi, Busquets scambia con Messi, l'argentino sfiora l'angolino. Al 28esimo l'ex Viola Joaquin mette una bella palla per i piedi di Pedro Leon, che viene fermato da Umtiti e Mascherano, sul contropiede successivo la palla viene messa in angolo dopo una percussione di Roberto. Minuto numero 34, una punizione bellissima di Messi che però prende un palo clamoroso, ma un minuto dopo, dallo scambio tra Messi e Deulofeu nasce il gol del vantaggio blaugrana, con il numero 16 che va a calciare, leggera deviazione di Tosca e palla dentro, Barça meritatamente avanti alla mezz'ora.


Betis che riparte subito, ma Mascherano con un intervento straordinario ferma un avversario lanciato a rete, e sul contropiede gli Azulgrana raddoppiano, grande percussione di Deulofeu che mette in mezzo con un cross basso l'assist per il secondo gol di Sergi Roberto con la prima squadra, il primo nella Liga per il canterano, che aveva trovato la sua prima rete entrando dalla panchina in quel famoso Barça-PSG 6-1 nel quale lo spagnolo aveva completato la rimonta con il sesto gol.
Al 14esimo della ripresa Messi prende ancora il palo su calcio piazzato, Adàn l'ha deviata. Partita che si addormenta, con il Barça che al 74 esimo sfiora il 3-0, davanti ad Adàn Vidal sbaglia, provando a saltarlo quando doveva soltanto andare a concludere. A dieci minuti dalla fine c'è spazio per il terzo legno di Messi, che con un missile colpisce ancora il palo.

Una bella partita che finisce con un 2-0 ma che sarebbe potuta finire con più reti per il Barça. Valverde ha preparato molto bene la partita, Barça che ha saputo colpire quando doveva è ha difeso benissimo non soffrendo mai e non concedendo occasioni agli avversari.


"Siamo molto contenti del risultato. Era importante riaprocciarsi con il buon gioco e con le buone sensazioni" Ernesto Valverde in conferenza stampa.

Pagelle:
(Con la novità delle descrizioni. P.S. solo per i giocatori del Barça)

Ter Stegen: 6

Mai impiegato, ma nell'unica vera occasione del Betis, se non ci fosse stato Mascherano probabilmente il risultato sarebbe stato diverso, perché è uscito malissimo.

Semedo: 6.5

Ha dimostrato di essere il terzino che lo scorso anno è mancato ai catalani, veloce e abile in entrambe le fasi.

Mascherano: 7 

Straordinario in fase difensiva, grandissima scelta di Valverde quella di preferirlo a Piqué.

Umtiti: 6+

Partita nel complessivo buona.

Jordi Alba: 6

Si ci aspettava di più da lui.

Busquets: 6.5

Tanto lavoro sporco e molto bravo in fase di impostazione.

Roberto: 7.5

Grandissima partita, ha dimostrato di avere talento da vendere.

Rakitic: 6+

Partita non bellissima per il croato.

Deulofeu: 7.5

Grandissima partita anche per l'ex Sevilla, ha ricordato a tutti che c'è anche lui.

Messi: 7.5

Grande partita, come al solito, per la pulce, molto sfortunato però.

Paco Alcacer: 6+

In fase offensiva pessimo, nelle azioni non si è proprio visto, comunque si è visto il suo impegno. Deve lavorare ancora tanto.

Vidal: 6+

Non ha fatto male.

Denis: S.V.

Troppo poco tempo per giudicarlo.

Digne: S.V.

Stesso discorso di Denis, ha avuto però il tempo necessario per prendersi un giallo però.

Valverde: 8

Partita preparata benissimo, scelte di formazione totalmente azzeccate, il Barça è sulla strada giusta.

Complessivo: 7.5

Pericoli quasi mai avuti, il Barça ha colpito quando doveva farlo e ha dominato la gara.


Adàn: 6.5
Barragán: 6.5
Mandi: 6.5
Feddal: 6
Tosca: 4.5
Guardado: 6+
Leiva: 6+
Narváez: 5
Camarasa: 5
Joaquin: 6.5
León: 6+
Garcia: 5.5
Francis: 5.5
Ruiz: 5.5

Setién: 6

Complessivo: 6.5



Cerca il Blog del Tifoso sui social, troverai numerosi aggiornamenti sul mondo dello sport: risultati, flash di mercato, formazioni ufficiali, sondaggi, consigli per il tuo Fantacalcio, orari gare oltre ai nuovi articoli. Ci vediamo prossimamente con un nuovo articolo.


Di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…