Passa ai contenuti principali

Guida all'Europeo U21 dell'Italia



"Le stelle di oggi, le superstelle di domani" è questo l'augurio scritto sul pullman degli azzurrini dedicato proprio alla nostra nazionale Under21. Oggi inizia ufficialmente l'Europeo dell'Italia, si giocherà alle 20:45 a Cracovia contro la Danimarca che sulla carta è la squadra più scarsa del nostro girone, composto da:

Germania
Repubblica Ceca
Danimarca
Italia

Un girone abbastanza tosto ma abbordabile per la squadra che abbiamo. L'aspettative che dobbiamo avere è quella di vincere l'Europeo visto che sulla carta siamo la squadra migliore avendo quasi tutti top Player alcuni anche di livello internazionale. L'unica squadra che ci può mettere in difficoltà è la Spagna che con i vari Asensio, Denis Suarez, Iñaki Williams, Saúl, Deulofeu, Bellierin e Gayá. Spagna che potremmo benissimo incontrare in semifinale nel caso arrivassimo entrambe prime, perché il regolamento dice che passano le prime di ogni girone e la migliore seconda e secondo il tabellone, la prima del girone A nel caso la migliore seconda fosse quella del gruppo B o del gruppo C, andrà ad affrontare proprio questa, ma se la migliore seconda fosse proprio del gruppo A allora andremo ad affrontare noi la vincente di questo gruppo. In due parole (Se arrivassimo primi) andiamo ad affrontare una tra

Inghilterra
Svezia
Slovacchia
Polonia

Se la migliore seconda fosse una tra

Inghilterra
Svezia
Slovacchia
Polonia

Questo potrebbe realizzarsi se Inghilterra e Svezia (Due favorite in questo gruppo) pareggiassero tra di loro, cosa che è successa venerdì, e asfaltassero Slovacchia e Polonia. Nel caso le cose non andassero così e la migliore seconda sarebbe il Portogallo o la Germania andremo in semifinale con la Spagna. La seconda possibilità è quella di vedere il Portogallo primo nel suo girone grazie alla vittoria nello scontro diretto, in quel caso affronteremo i portoghesi che comunque sono una squadra tosta ma inferiore a noi e alla Spagna. L'ultima possibilità per evitare la Spagna in semifinale sarebbe arrivare secondi nel girone macome migliore seconda, questa ipotesi però, non la dobbiamo considerare perché l'obbiettivo è VINCERE.

Analizziamo ora nel dettaglio la rosa che abbiamo, i portieri sono:

Donnaruma, Cragno e Scuffet. Sono tre ottimi portieri, il titolare sarà Donnarumma ma nel caso sarà distratto dalla questione rinnovo Di Biagio dovrà essere bravo sul piano psicologico a farlo concentrare solo sulla nazionale, nel caso non ci riuscisse allora il titolare sarà Cragno o Scuffet.

Difesa:

Rugani, Calabria, Barreca, Conti, Caldara, Biraschi, Ferrari e Pezzella compongono il reparto difensivo, anche qui siamo messi bene: i titolari saranno Rugani, Conti, Caldara e Barreca, ottimi direi ma i sostituti non sono da meno. Purtroppo manca Murru per infortunio, al suo posto c'è Pezzella.

Centrocampo:

Benassi, Cataldi, Pellegrini, Grassi, Garritano, Gagliardini, Locatelli anche qui siamo messi abbastanza bene ci avrebbe fatto comodo un Verratti ma ha un età troppo avanzata, comunque siamo competitivi.

Attacco:

Berardi, Bernardeschi, Cerri, Petagna e Chiesa. Messi bene anche qui, più che altro ci manca il bomber, ma sicuramente segneremo con il lavoro di squadra, come abbiamo sempre fatto.


Ora vediamo il probabile undici che si schiererà contro la Danimarca

4-3-3

DONNARUMMA

CONTI

RUGANI

CALDARA

BARRECA

BENASSI

GAGLIARDINI

PELLEGRINI

BERARDI

PETAGNA

BERNARDESCHI

Ora vediamo l'undici danese:

4-2-3-1

OJBJERG

HOLST

BANGGARD

MAXSO

BLABJERG

CHRISTENSEN V.

NORGARD

HJULSAGER

ANDERSEN

NIELSEN

INGVARTSEN


Sulla carta dovremo batterli senza troppa difficoltà. Questa rosa può benissimo andare a conquistare il titolo che ci manca dal 2004, da quando esplose il talento di Gilardino. Ora andiamo proprio a vedere tutte le rose che ci hanno portato ben 5 titoli, meglio di noi nessuno ha fatto.

1992:

P Antonioli
P Peruzzi
D Bonomi
D Favalli
D Luzardi
D Malusci
D Matrecano
D Rossini
D Taccola
D Verga
D Villa
C Albertini
C Baggio
C Corini
C Marcolin
C Orlando
C Sordo
A Bertarelli
A Buso
A Melli
A Muzzi
CT: Maldini

1994:

1 Toldo
2 Cannavaro
3 Colonnese
4 Delli Carri
5 Galante
6 Negro
7 Panucci
8 Tresoldi
9 Berretta
10 Bigica
11 Cherubini
12 Visi
13 Marcolin
14 Rossitto
15 Scarchilli
16 Carbone
17 Inzaghi
18 Muzzi
19 Orlandini
20 Vieri
CT: Maldini

1996:

1 Pagotto
2 Panucci
3 Pistone
4 Cannavaro
5 Galante
6 Fresi
7 Sartor
8 Nesta
9 Amoruso
10 Brambilla
11 Pecchia
12 Buffon
13 Ametrano
14 Tommasi
15 Tacchinardi
16 Delvecchio
17 Morfeo
18 Totti
CT: Maldini

2000:

1 De Sanctis
2 Grandoni
3 Mezzano
4 Zanchi
5 Ferrari
6 Gattuso
7 Comandini
8 Baronio
9 Ventola
10 Pirlo
11 Perrotta
12 Abbiati
13 Coco
14 Rivalta
15 Cirillo
16 Vannucchi
17 Zanetti
18 Firmani
19 Rossi
20 Spinesi
CT: Tardelli

2004:

1 Amelia
2 Zaccardo
3 Moretti
4 Gamberini
5 Bonera
6 De Rossi
7 Pinzi
8 Palombo
9 Gilardino
10 Brighi
11 Sculli
12 Agliardi
13 Barzagli
14 Bovo
15 Donadel
16 Potenza
17 Mesto
18 Rosina
19 Del Nero
20 Caracciolo
21 D’Agostino
22 Zotti
CT: Gentile



Ora tocca a voi!!!!
Carissimi azzurrini, ANDIAMO A CONQUISTARE LA POLONIA 


Commenti

Post popolari in questo blog

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…