Passa ai contenuti principali

F1, il pazzo GP di Baku tra polemiche e incidenti. Analisi



Pagina Facebook

Il mondiale di F1 ha come ottava tappa il GP dell'Azerbaijain a Baku. Circuito cittadino lungo 6 km molto stretto.


La gara inizia con un paio di contatti alla partenza tra cui quello tra Bottas e Raikonnen. Il pilota Mercedes tampona il ferrarista e danneggia lo pneumatico anteriore destro, costretto a tornare ai Box rientra doppiato in penultima posizione. Verso il 15esimo giro, Kvyat sbatte e non si riesce a rimuovere la sua vettura entra quindi la safety car. Entrano quasi tutti al box. Verstapppen è costretto al ritiro a causa di un problema al motore rimediato al 12esimo giro. È il secondo ritiro consecutivo per l'olandese. Un piccolo incidente alla ripartenza, causa il rientro della safety car.
Hamilton rallenta improvvisamente e viene tamponato da Vettel che reagisce dando una sportellata al pilota inglese.


Quando si riespone la bandiera verde Vettel, a causa del tamponamento ha l'ala danneggiata e viene attaccato ma è molto bravo a difendersi. Intanto Ocon passa sul muso del compagno Perez, l'ala si stacca e alcuni detriti finiscono sulla posteriore destra di Raikkonen che si fora ed esplode. Rammarico sia in casa Force India, visto che si poteva fare un buon risultato, sia in casa Ferrari. A causa di questo incidente la safety car rientra in pista ma viene esposta subito la bandiera rossa.


I meccanici Ferrari nel frattempo fanno un miracolo e Raikkonen può continuare, così come Perez. Si riprende al 23esimo giro e allo scatto ci sono molte grandi manovre come il sorpasso di Ricciardo ai danni delle due Williams o il doppio sorpasso di Magnusen ai danni di Massa e Hulkemberg il quale poi piega la sospensione, finisce contro il muretto e si ritira. Anche per lui un occasione di far punti buttata. Costretto al ritiro anche Massa, problemi alla sospensione pure per il brasiliano. Problemi per Hamilton, gli si alza il "poggia testa" ed è costretto a fermarsi. Contemporaneamente la direzione gara Penalizza con 10 secondi di Stop and go, Vettel per la reazione al rallentamento di Hamilton. Seb però esce davanti ad Hamilton di due posizioni. Costretti ad un Drive Through Perez e Raikkonen perché per regolamento si non si può adoperare sulla vettura all'interno del box.
Nelle prime posizioni intanto sono occupate da Riccardo, Stroll e Ocon, davanti a Bottas che ha recuperato grazie alle varie interruzioni.
Vettel nel frattempo sorpassa Ocon, non ci riesce Hamilton invece perché il francese si difende bene ma non può nulla al DRS che porta l'inglese si porta in 5 posizione. Come Perez anche Raikonnen decide alla fine di ritirarsi.
Arrivo in volata con Riccardo primo e Bottas che mette il muso davanti a Stroll, mentre Vettel riesce a tenersi avanti.

La polemica:

Vettel accusa Hamilton di aver rallentato improvvisamente, cosa che avrebbe potuto causare danni a lui ma soprattutto agli altri dietro. La Ferrari e Seb protestano sulla penalità inflitta, visto che Hamilton pur avendo sbagliato non ha avuto sanzioni.
Il pilota inglese invece accusa Vettel di un comportamento scorretto e lo minaccia di rissa. Seb ha inoltre dichiarato che ci sarà un faccia a faccia tra i due.


Pagelle:

Ricciardo: 7
Bottas: 7
Stroll: 7
Vettel: 7.5
Hamilton: 5
Ocon: 6
Magnusen: 6.5
Sainz: 6
Alonso: 6.5
Wehrlein: 6
Ericson: 6
Vandoorne: 5.5
Grosjean: 5

Classifica piloti

1 VETTEL Ferrari 153 (0)

2 HAMILTON Mercedes GP 139 (-14)

3 BOTTAS Mercedes GP 111 (-42)

4 RICCIARDO D.Red Bull 92 (-61)

5 RAIKKONEN Ferrari 73 (-80)

6 VERSTAPPEN Red Bull 45 (-108)

7 PEREZ Force India 44 (-109)

8 OCON Force India 35 (-118)

9 SAINZ JR Toro Rosso 29 (-124)

10 MASSA Williams 20 (-133)

11 HULKENBERG Renault F1 18 (-135)

12 STROLL Williams 17 (-136)

13 MAGNUSSEN Haas 11 (-142)

14 GROSJEAN Haas 10 (-143)

15 WEHRLEIN Sauber 5 (-148)

16 KVYAT Toro Rosso 4 (-149)

17 ALONSO McLaren 2 (-151)

18 GIOVINAZZI Sauber 0 (-153)

19 PALMER Renault F1 0 (-153)

20 VANDOORNE McLaren 0 (-153)

21ERICSSON Sauber 0 (-153)

22 BUTTON McLaren 0 (-153)


Classifica costruttori


1 MERCEDES GP 250 (0)

2 FERRARI226 (-24)

3 RED BULL137 (-113)

4 FORCE INDIA 79 (-171)

5 WILLIAMS 37 (-213)

6 TORO ROSSO 33 (-217)

7 HAAS 21 (-229)

8 RENAULT F1 18 (-232)

9 SAUBER 5 (-245)

10 MCLAREN 2 (-248)


Se l'articolo ti è piaciuto lascia un like, nel caso contrario lascia un commento e dimmi cosa non ti è piaciuto. Seguite lasciate like alla Pagina Facebook, Il Blog del Tifoso. Un saluto, ci vediamo domani con un nuovo articolo.

Pagina Facebook

A cura di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

Pagella Juventus 2016-2017

Pagella Juventus F.C.

Pagina Facebook

La Juventus anche quest'anno porta a casa sia la Tim Cup, sia la Serie A ma non riesce a vincere il suo reale obbiettivo, ovvero la Champions League dove si ferma solo in finale. Andiamo ad analizzare nello specifico le prestazioni dei singoli giocatori.
Voti in collaborazione con Mr. Tag Stefan
Descrizione a cura di Simone Palumbo

Gianluigi Buffon
: 8

A 39 anni è ancora uno dei giocatori chiave della Juve, spesso salva i bianconeri con interventi prodigiosi, peccato che non è riuscito ad alzare quel maledetto trofeo.

Neto Murara: 6

Quando viene chiamato in causa spesso fa desiderare, ma non è facile reggere il confronto con Buffon. Nel complesso offre buone prestazioni.

Elmil Audero: S.V.

Solo l'ultima giornata di campionato non è sufficiente per giudicare le prestazioni del portiere Italo-Singaporiano.

Giorgio Chiellini: 7.5

Ottima stagione per il gorilla che si conferma uno dei migliori al mondo nel suo ruolo, quest'anno si …

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…