Passa ai contenuti principali

Trionfo Ferrari a Budapest, grandissima gara delle rosse in Ungheria.




Si arriva al GP d'Ungheria l'ultimo prima della pausa estiva, tappa importantissima per le sorti del mondiale perché da questo gp si capisce se la Ferrari è da mondiale o la Mercedes sarà ancora la favorita. Le due rosse partono in pole con Vettel davanti a Raikkonen. Alla partenza lo scatto delle Ferrari è perfetto con Raikkonen che con grande abilità va a proteggere la posizione al tedesco.
Alla seconda curva Verstappen sbaglia la frenata e colpisce la vettura del compagno Ricciardo, l'australiano è costretto al ritiro mentre il pilota olandese sarà penalizzato di 10 secondi.


Ricciardo non si ritirava per incidente da 75 gare, dal GP di Singapore 2013 cioè non si era mai ritirato per incidente con la Red-Bull.
Le Ferrari intanto guadagnano molto terreno e il vantaggio aumenta quando Bottas, primo inseguitore rientra ai box, infatti i meccanici Mercedes hanno un esitazione che costa dei decimi al pilota finlandese. Ed proprio una sosta ai box a rovinare la gara di Grosjean, infatti la posteriore sinistra non è avviattata al meglio e il pilota Haas è costretto al ritiro.
La gara non da particolari emozioni allora ci pensano Alonso e Sainz i due spagnoli sono impegnati in diversi duelli dove alla fine l'ex Ferrarista ne esce vincitore il giorno dopo aver compiuto 36 anni. Nel finale Bottas cede la posizione ad Hamilton, la Mercedes comunica al pilota inglese che ha cinque giri di tempo per passare Raikonnen, Hamilton prova a mettere pressione alle Ferrari che però mantengono il vantaggio anche a causa di qualche errore proprio di Lewis. Sul rettilineo finale Vettel è primo, Raikkonen è secondo è doppietta Ferrari a Budapest, la numero 83 della storia della scuderia di Maranello, la seconda della stagione.



Proprio sul rettilineo finale Hamilton lascia passare Bottas suscitando la rabbia di Toto Wolff visto che in classifica piloti Hamilton ora ha un ritardo di 14 punti che col terzo posto sarebbero stati 11. Sul podio tornano Vettel e Raikkonen insieme ad un simpaticcissimo Alonso che si sdraia accanto ad uno suo ritratto.



Pagelle:

Vettel: 8
Raikkonen: 8.5
Bottas: 7-
Hamilton: 6-
Verstappen: 6
Alonso: 7.5
Sainz: 6.5
Perez: 5.5
Ocon: 5.5
Vandoorne: 5.5
Kvyat: 5.5
Palmer: 5
Magnussen: 5
Wehrlein: 5.5
Ericsson:5



Classifica piloti:

Vettel 202
Hamilton 188
Bottas 169
Ricciardo 117
Raikkonen 116
Verstappen 67
Perez 56
Ocon 45
Sainz 35
Hulkemberg 26
Massa 23
Stroll 18
Grosjean 18
Magnussen 11
Alonso 10
Wehrlein 5
Kvyat 4
Vandoorne 1
Palmer 0
Ericsson 0
Giovinazzi 0
Button 0
Di Resta 0


Classifica costruttori:

Mercedes 357
Ferrari 318
Red-Bull 184
Force India101
Williams 41
Toro Rosso 39
Haas 29
Renault 26
McLaren 11
Sauber 5



Segui le pagine social del Blog del Tifoso e attiva le notifiche relative ai post in modo da rimanere sempre aggiornati col Blog del Tifoso e col mondo dello sport. Ci vediamo prossimamente con un nuovo articolo.

Pagina Facebook
Pagina Google+
Pagina Instagram

Di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Riparte il weekend calcistico

Pagina Facebook Pagina Instagram Pagina Google+
Lo scorso Weekend calcistico è stato sicuramente uno dei più belli di quest'anno, solo la nostra Serie A ci ha offerto Juventus-Lazio, Roma-Napoli e il derby di Milano oltre ad altre gare equilibrate e interessanti come Fiorentina-Udinese, ma all'estero abbiamo assisto allo spettacolo del Derby d'Inghilterra tra Liverpool e Manchester United, con i Reds che nonostante abbiano dominato non siano riusciti a portare a casa il risultato (La gara è finita sullo 0-0) la super sfida tra Atletico e Barça anche questa dominata da una ma finita in parità. In Ligue 1 abbiamo assistito ad uno spettacolare Lione-Monaco e il campionato tedesco ci ha offerto partite come BVB-Lipsia e Bayer Leverkusen-Wolfsburg.

Ma questo Weekend non è da meno, abbiamo già assistito ad un fantastico Valencia che ha battuto per 4-0 il Sevilla ed una meravigliosa Samp che ha travolto il Crotone per 5-0, ma anche al pokerissimo del Bayer Leverkusen in casa del …

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…