Passa ai contenuti principali

Top 11 Italiani non militanti in Serie A



Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+


Al di fuori della nostra Serie A, ci sono tanti altri giocatori validi italiani, che purtroppo non sono neanche presi in considerazione per la nazionale (fortunatamente non tutti). Oggi andremo a vedere una formazione fatta da tutti quegli azzurri che non giocano in Serie A. Prima di iniziare vi consiglio di dare un'occhiata alla pagina Instagram, Google+ e Facebook e di seguirmi.

Salvatore Sirigu:

Sarà lui il titolare di questa speciale formazione, il portiere ex Palermo dopo l'esperienza rosanero è passato al PSG fino a quando i parigini non gli hanno preferito Trapp e lui è andato al Sevilla, dove ha fatto bene e poi è passato all'Osasuna. È stato il secondo portiere della nazionale con Prandelli e con Conte, Ventura però non lo considera. Ha di recente, firmato col Torino.
Le sue riserve sarebbero Cragno è Meret che questa stagione hanno giocato in B, ma sono di proprietà, rispettivamente di Udinese e Cagliari.


Matteo Darmian:

Si parla di un suo ritorno in Italia, comunque anche la lontananza dalla nostra penisola non impedisce di avere convocazioni costanti in azzurro per il terzino cresciuto nel Milan.


Angelo Ogbonna:

Ex capitano del Torino passò alla Juventus ma la sua esperienza juventina non fu un gran che e andò in Inghilterra, dove si è comportato bene e si è meritato anche il biglietto per gli europei in Francia.


Andrea Ranocchia:

A leggerli la coppia di centrali fa un po ridere, ma in Inghilterra Ranocchia ha giocato molto bene e se quest'anno si riconfermerà come con l'Hull City e magari come ai tempi del Bari un pensierino per la nazionale si può pure fare.


Federico Dimarco:

Recentemente venduto al Sion in Svizzera, Dimarco ha dimostrato con l'Under 20 e in quelle poche gare ad Empoli di essere un buon talento per il futuro.


Daniel Calinguri:

L'ala dello Schalke si è naturalizzato italiano ma effettivamente l'Italia non l'ha mai vista, certo che almeno in qualche stage si potrebbe anche convocare.


Marco Verratti:

A lui la nazionale non gliela toglie nessuno. Pilastro del centrocampo azzurro e del PSG, Marco non ha mai giocato in Italia e a quanto pare, almeno per adesso non lo farà.


Thiago Motta:

Criticato da tutti ma effettivamente ha giocato nel Barça di Ronaldinho, nell'Inter del Triplete e nel PSG pluricampione di Francia. Convocato per l'Europeo, ha fatto sentire la sua assenza contro la Germania.


Vincenzo Grifo:

Lo stesso discorso di Caliguri vale anche per Grifo. L'ala del Friburgo è nata e ha vissuto solo in Germania ma suo padre è italiano e lui ha dichiarato di voler giocare solo per l'Italia ma di fatto non è mai successo. È considerato uno dei migliori esterni della Bundesliga, almeno in uno stage lo vogliamo portare?!


Manolo Gabbiadini:

Arrivato a Gennaio ha fatto sfracelli e ha subito conquistato il cuore dei tifosi del Southampton. Per lui poco meno di una decina di gol in BPL e una doppietta in finale di Capital One Cup contro lo United, tutto questo in pochi mesi visto che ha terminato la stagione in anticipo a causa di un infortunio.


Mario Balotelli:

A Nizza è rinato, Balo è tornato un fuoriclasse ma non per Ventura che non ci pensa nemmeno a portarlo.


Questa era la mia Top 11 degli azzurri che non giocano o che la scorsa stagione non hanno giocato, ovviamente ci sono stati degli esclusi. Avete visto che alcuni sono già in nazionale altri si potrebbero portare mentre altri ancora dovrebbero ancora meritarsi il posto in azzurro. Fatemi sapere voi che ne pensate e seguite le pagine Instagram, Google+ e Facebook. Un saluto, a domani con un nuovo articolo.



A cura di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Rassegna Stampa (6 Luglio 2017)

Buona domenica a tutti oggi è giorno di rassegna stampa, ma prima di iniziare vi ricordo di seguire le pagine social del Blog del Tifoso e di attivare le notifiche relative ai post in modo da rimanere sempre aggiornati col Blog e col mondo dello sport. Iniziamo. 

La Gazzetta dello Sport:

Bolt the end, l'atleta giamaicano si ritira dopo il bronzo conquistato ai mondiali di atletica leggera a Londra.  Juve difesa al... verde, amichevole pessima per la Juve contro gli Spurs giocata con la terza maglia appunto verde.

QS:
In occasione dell'amichevole tra Wolfsburg e Fiorentina, la Viola ritrova Gomez il colpaccio che poi si rivelò Flop, dell'estate 2013.


Il Corriere dello Sport:

Anche il Corriere dedica la prima pagina alla brutta sconfitta a Londra della Juve ad opera del Tottenham. Spazio anche per il Napoli che affronterà Balo e il suo Nizza nei preliminari di Champions League, mentre Ancelotti porta a casa il primo titolo, dopo il pessimo pre-campionato.

Tuttosport:  Anche…

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…