Passa ai contenuti principali

Un Gran premio deciso dai millesimi. Analsi GP d'Austria



Dopo le polemiche del GP dell'Azerbaijain si va in Austria, nona tappa del mondiale di Formula 1. La pole è di Bottas per 42 millesimi, secondo Vettel, terzo Raikkonen, Hamilton invece parte ottavo, arretrato di 5 posizioni per aver sostituto il cambio. Alla partenza le polemiche del GP dell'Azerbaijain continuano, secondo Vettel Bottas parte in anticipo la Federazione lo vede ma lo perdona. Alla prima curva Kvyat sbaglia la frenata e tampona Alonso che a sua volta tampona Verstapppen, per lo spagnolo e l'olandese niente da fare: è ritiro. Delussisimi i numerosi tifosi di Max venuti dall'Olanda per sostenerlo, per il pilota Red Bull è il quinto ritiro in sette gare, il terzo consecutivo.


Ricciardo intanto sorpassa Raikkonen dopo che il finlandese è stato costretto a rallentare per evitare un tamponamento.
Dopo pochi giri la direzione gara decide di dare un Drive Through a Kvyat e non punisce la "falsa partenza" di Valteri Bottas.
Una gara abbastanza monotona non succede praticamente niente, Hamilton guadagna diverse posizioni, le soste ai box non cambiano le sorti della gara che si accende solo nel finale quando Vettel e Hamilton si avvicinano molto rispettivamente a Bottas e Ricciardo, si aspetta un finale al fotofinish. Infatti così sarà, ma mentre Ricciardo si difende benissimo, Vettel rimane solo in scia del pilota finlandese che andrà per primo sotto la bandiera a scacchi, per lui secondo successo in carriera, Vettel a fine gara dirà che solo un giro bastava e avrebbe vinto. Il tedesco protesterà anche per la decisione dei commissari di non aver dato penalità a Bottas per la sua partenza anticipata. Vettel ha avuto anche un rallentamento da parte di Perez, visto che il messicano non ha subito rispettato la bandiera blu.


Partenza anticopia o no?
Personalmente, io ho visto due filmati diversi: il primo con lo schieramento di partenza dall'alto, l'altro dal basso. Nel primo caso mi è sembrato che Bottas forse partito in anticipo rispetto a tutti gli altri, mentre nel secondo la sua partenza mi è sembrata regolare. La direzione gara però ha visionato più volte la partenza, e pur non dando penalità, inizialmente ha ammesso che in realtà il pilota della Mercedes è partito con leggero anticipo, dunque la sua partenza era irregolare per poi scoprire con la telemetria che il finlandese è partito 201 millessimi dopo lo spegnimento del semaforo quindi regolarmente, quindi giusto non penalizzarlo.

Pagelle:
Bottas: 6.5
Vettel: 6.5
Ricciardo: 7+
Hamilton: 5.5
Raikkonen: 5.5
Grosjean: 7
Perez: 5
Ocon: 5
Massa: 6
Stroll: 6
Palmer: 5.5
Vandoorne: 5
Hulkenberg: 4
Wehrlein: 5
Ericsson: 5
Kvyat: 4.5

La classifica:
1. Vettel Sebastian 171
2. Hamilton Lewis 151
3. Bottas Valteri 136
4. Ricciardo Daniel 107
5. Raikkonen Kimi 83
6. Perez Sergio 50
7. Verstapppen Max 45
8. Ocon Esteban 39
9. Sainz Carlos JR. 29
10. Massa Felipe 22
11. Stroll Lance 18
12. Hulkemberg Niko 18
13. Grosjean Romain 18
14. Magnussen Kevin 11
15. Wehrlein Pascal 5
16. Kvyat Daniil 4
17. Alonso Fernando 2
18. Palmer Jolyon 0
19. Ericsson Marcus 0
20. Vandoorne Stoffel 0
21. Giovinazzi Antonio 0
22. Button Jenson 0

Costruttori:
1. Mercedes 287
2. Ferrari 254
3. Red Bull 152
4. Force India 89
5. Williams 40
6. Toro Rosso 33
7. Haas 29
8. Renault 18
9. Sauber 5
10. Mclaren 2


Se l'articolo ti è piaciuto lascia un like e un commento, in caso contrario scrivimi cosa non ti è piaciuto. Ricordati di seguire le pagine Instagram, Facebook e Google+
Un saluto, ci vediamo ad un prossimo articolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…