Passa ai contenuti principali

Pagella Stagione 2016-2017 A.S. Roma



Pagina Instagram
Pagina Google+
Pagina Facebook


Eccoci tornati con un nuovo articolo, dopo il "successo" delle pagelle della Juve oggi parliamo di quelli che sono i miei voti per la stagione 2016-2017 dell'A.S. Roma. Però prima di iniziare vi ricordo di seguire le pagine Instagram, Facebook e Google+ e di attivare le notifiche relative ai post in modo da rimanere sempre aggiornati col Blog del Tifoso e sul mondo dello sport. Detto questo iniziamo.

Wojciech Szczęsny: 7.5

L'anno scorso peccava nelle uscite quest'anno ha "risolto" il suo problema. Portiere affidabile e con ottimi riflessi un colpaccio per la Juve che lo ha preso a 12 milioni di euro.

Alisson: 7-

Per me doveva giocare di più, perché quando lo ha fatto si è comportato molto bene.

Bogdan Lobonţ: S.V.

L'ex portiere della Fiorentina ancora una volta non è sceso mai in campo.

Kostas Manolas: 7.5

Il greco si è dimostrato il perno centrale della difesa giallorossa, una grandissima stagione per il numero 44.

Antonio Rüdiger: 7

Bella stagione anche per il tedesco. Ha fatto bene sia da terzino che da centrale.

Juan Jesus: 6.5

Si è dimostrato una riserva ottima, quando è stato chiamato in causa ha sempre fatto bene facendo pochi errori. È stato un bel colpo prenderlo dall'Inter.

Federico Fazio: 7-

Arrivato la scorsa estate dagli Spurs l'ex Sevilla non ha deluso le attese in giallorosso dove si è dimostrato un gran difensore.

Bruno Peres: 5.5

Dopo la splendida scorsa annata con la maglia Granata, Peres è sbarcato a Fiumicino per ripetere quel tanto di buono che aveva fatto col Toro, ma questa stagione non è stata delle migliori.

Thomas Vermaelen: 4.5

L'ex capitano dell'Arsenal era arrivato in prestito dal Barcelona per essere l'uomo in più della Roma, invece ha deluso tutti disputando pessime partite, peccato perché prima era un grande giocatore.

Mario Rui: 5-

È stato infortunato tutto l'anno e quando è rientrato non ha impressionato. Gli do anche il meno perché se giochi in una società devi pensare solo alla tua squadra e non puoi dire tutto l'anno voglio andare al Napoli.

Emerson Palmieri: 6.5

Arrivato da Palermo ha stupito tutti prendendosi la fascia sinistra e non perdendo più il posto. È stata una scommessa vinta per la Roma.

Reparto difensivo: 6.5

Ancira qualcosa da migliorare in fase difensiva, ma nel complesso la Roma deve sistemare giusto qualcosina, prendere due seconde linee e un sostituto di Rüdiger.


Radja Nainggolan: 9

Non sono solito a dare voti così alti, ma il Ninja insieme ad Hamsik si è dimostrato il miglior centrocampista della Serie A Tim. Botta da fuori, grinta, determinazione, assist-men. Un centrocampista straordinario.

Kevin Strootman: 7.5

La Lavatrice è tornata a funzionare, ripreso dall'infortunio Strootmann è tornato quello del primo anno di Roma, anche più forte. La pecca, troppo aggressivo.

Daniele De Rossi: 7

Ottima stagione per Danielino De Rossi peccato per quell'errore col Porto che è costata la Champions.

Leandro Paredes: 6+

Una stagione di alti e bassi per l'Argentino che comunque si è rivelato un buon centrocampista. Deve ancora migliorare tanto.

Clément Grenier: 6.5

Arrivato a gennaio ha giocato pochissimo ma quando è stato messo in campo si è rivelato un centrocampista dai piedi d'oro.

Centrocampo: 7+

Uno dei centrocampo più forti d'Italia, tanta grinta e qualità anche se forse ci sono stati troppi falli.


Diego Perotti: 7

Diversi gol e assist per l'Argentino ex Genoa, che da titolare fisso è diventato riserva d'oro.

Mohamed Salah: 8

La migliore ala destra della Serie A, veloce, prolifico, con una grande visone di gioco e spirito di sacrificio questo è Mohamed Salah. Stagione fantastica per l'egiziano sempre al top anche dopo la delusione in Coppa d'Africa.

Gerson: 5

Ha giocato poco e male.

Juan Manuel Iturbe: S.V.

Praticamente mai impiegato prima della cessione al Torino.

Alessandro Florenzi: S.V.

Indisponibile per infortunio per quasi tutta la stagione. Sarà per il prossimo anno Ale.

Stephan El Shaarawy: 6+

Ha un po deluso le aspettative ma tutto sommato non ha giocato così male. Quest'anno ha mancato di personalità.

Edin Dzeko: 9

Stagione stratosferica, miglior marcatore della Serie A, record di marcature in un anno nella storia della Roma. Dzeko è tornato un bomber assoluto.

Francesco Totti: 11

Per lui un voto apparte, un voto che nessuno potrà mai raggiungere perché nessuno è stato come lui e sarà come lui. Mitico il capitano non meritava questo trattamento.

Reparto offensivo: 7

Ha sempre colpito quando ce ne è stato bisogno o quasi. La Roma sotto porta è stata tra le migliori nonostante il "record" di pali colpiti.


Allenatore: 5.5

Vero che ha portato la Roma in Champions ma solo per aver trattato così Totti non merita la sufficienza. In più come un bambino di 3 anni ha levato la fascia a De Rossi per un suo errore contro il Porto. Davvero ridicolo.

Società: 5.5

Insufficienza per aver gestito male il caso Totti. Ottimo mercato però e ottimo il colpo Monchi per il dopo Sabatini.

A.S. Roma: 8

Nel complessivo bella stagione per la Roma, l'obbiettivo Champions è stato raggiunto, per la prossima stagione però bisogna puntare a qualcosa di più importante.


Se l'articolo ti è piaciuto lascia un like e un commento, segui le pagine Instagram, Facebook e Google+ e attivate le notifiche relative ai post in modo da rimanere sempre aggiornati col Blog del Tifoso e sul mondo dello sport. Ci vediamo prossimamente con un nuovo articolo.

Leggi anche:

Il Mercato che Farei A.S. Roma


Pagina Facebook
Pagina Google+
Pagina Instagram

Di Simone Palumbo

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…