Passa ai contenuti principali

Fallimento o Buon risultato? Pagella e Analsi spedizione azzurra ad Euro U21



Pagina Facebook
Pagina Google+
Pagina Instagram

Inizia il 18 giugno contro la Danimarca, il cammino ai campionati Under 21 degli azzurrini di Di Biagio, per poi finire il 27 contro la Spagna al primo turno ad eliminazione diretta. Due partite vinte e due perse, cinque gol fatti e sei subiti, ma possiamo ritenerci soddisfatti di questo torneo? Si poteva fare di meglio? Cosa ci dovevamo aspettare? È stata una figuraccia o no?

L'Italia non la candidata a vincere questo europeo, ma era comunque una delle favorite. L'obbiettivo minimo era la semifinale ma ci si aspettava di più. Gli azzurrini sono usciti con la più forte, ma la Spagna era veramente impossibile da battere? A chi vanno le colpe dell'eliminazione? Erano davvero così superiori gli avversari? A chi vanno invece i meriti per aver passato il girone? L'Italia ci credeva veramente alla vittoria finale?

I nostri, in realtà, non ci hanno creduto fino in fondo ad eccezione di pochi. Una squadra che ci crede va a lottare su ogni pallone e pressa alto, mettendoci tanta voglia e tanto cuore. Atteggiamento che si è visto solo in alcuni, visto che l'unica gara giocata con grinta da tutti è stata contro la Germania. Ma la colpa è solo nostra?

Direi decisamente di no, io non posso credere che la UEFA, un organo così importante, possa permettere un calendario del genere. Infatti gli azzurrini sono andati a sfidare la rojita che aveva avuto una settimana in più per riposarsi e preparare la gara. Ma tornando alla domanda di prima, di chi sono le colpe e di chi i meriti? Chi ha contribuito al passaggio del turno e chi è stata una delle cause dell'eliminazione. Andiamo a vedere le mie pagelle e le mie Analsi.


Donnarumma: 4.5

Pessimo europeo per quello che doveva essere uno dei migliori della rosa, ha preso tutti gol ridicoli ed evitabilissimi. Spesso in ritardo, davvero uno dei peggiori.

Cragno: S.V.

Nonostante Donnarumma abbia giocato male, non gli è stata data l'opportunità di prendere i guanti e andare a difendere la porta azzurra.

Scuffet: S.V.

Ha avuto la stessa sorte di Cragno, per me poteva fare bene.

Rugani: 5.5

Ha fatto vari errori ma nel complesso ha difeso abbastanza bene, certo da uno come lui, che ha anche esperienza in Champions League mi aspettavo di dargli almeno un 6.5

Caldara: 6.5

Il voto che mi aspettavo di dare a Rugani, invece l'ho dato a lui, un muro in difesa non ha sbagliato nulla o quasi. Veramente un grande difensore.

Ferrari: 5

Una partita sola, e giocata anche male ma comunque era una riserva.

Calabria: 6

La partita conto la Repubblica Ceca, schierato a sinistra, un incubo, incubo forse un po esagerato, ma di certo non si può dire che ha giocato bene. Contro la Spagna il migliore insieme a Bernardeschi, Conti non ci è mancato così tanto.

Conti: 6

La prima partita ok, la seconda un disastro in fase difensiva, la terza non sbaglia niente. Si poteva fare di più, specie nella metà campo avversaria.

Biraschi: S.V.

Ha fatto un po di compagnia a Scuffet e Cragno, per me non andava portato. In fondo a che servono 5 terzini in una competizione di massimo cinque partite?

Barreca: 6.5

Ha difeso benissimo, non facendo rimpiangere l'assenza di Murru. Il terzino del Toro può fare strada.

Pezzella: S.V.

Inutile la sua convocazione, è stato portato causa infortunio di Nicola Murru che doveva essere il titolare. A che serviva portare l'ennesimo terzino? Avrei portato un attaccate.

Reparto difensivo: 5.5

Contro la Danimarca nessun problema, ma i danesi non erano sta grande squadra, contro i Cechi, errori da dimenticare per non parlare della partita contro la Spagna, ottima la gara contro i tedeschi.

Benassi: 5.5

Diciamo che tutto sommato ha fatto un buon europeo, ma niente di che. Mi aspettavo di più a livello di grinta, non ha saputo motivare la squadra da capitano.

Gagliardini: 4.5

Dovrebbe essere il simbolo della rinascita dell'Inter, se gioca come a questo europeo, mi dispiace amici interisti ma qua andate nella parte destra della classifica. Gagliardini ha giocato male, ha mostrato comunque che è forte, ma è stata una delle cause dell'eliminazione contro la Spagna, cinque falli da giallo: il primo l'arbitro lo grazia, poi ne commette un altro e l'arbitro lo rigrazia, al terzo viene ammonito, al quarto viene graziato ancora, poi ne commette un fallo di frustrazione e il direttore di gara lo manda negli spogliatoi.

Cataldi: 5

Ha giocato male, mi aspettavo di più da lui.

Locatelli: 5

Stesso discorso di Cataldi per il centrocampista del Milan. Si poteva fare di più.

Pellegrini: 6-

Due partite fatte bene le altre meno. Comunque si merita la sufficienza o quasi. Il migliore dei centrocampisti.

Grassi: 5

Anche lui ha giocato poco e non ha stupito per niente.

Centrocampo: 5.5

Le partite si vincono a centrocampo, qui gli azzurrini hanno fatto abbastanza male.

Berardi: 6+

Inizia abbastanza male, ma poi si riprende. Ci si aspettava molto da lui, e non ha deluso. Si è sentita la sua mancanza contro la Spagna.

Chiesa: 7

Si dimostra un grandissimo talento, sempre grintoso e con voglia di far bene. Se terrà i piedi per terra diventerà un campione.

Petagna: 3.5

Forse è un po esagerato? Forse, ma tre e mezzo sono i minuti giocati bene da Petagna. Contro la Danimarca non è esistito fino al 84esimo, quando ha giocato gli unici minuti buoni dell'Europeo, minuti nei quali ha trovato anche la via della rete. Contro la Repubblica Ceca, era meglio che non faceva nulla, visto che quel poco che ha provato a fare lo ha sbagliato clamorosamente facendo perdere la seconda gara degli azzurrini e mettendo a repentaglio la qualificazione. La miglior prestazione? Contro la Germania, con la quale è stato comodamente seduto in panchina. Contro la Spagna infine, sembra un fantasma. Non si propone mai, non ha avuto visione di gioco, non sa stoppare, non sa pressare, non sa dribblare, non sa tirare e non ha il senso del gol. Siamo sicuri che è un attaccante?

Bernardeschi: 7

Inizia male l'Europeo, facendo l'egosita e non passando mai la palla. Dopo la sconfitta contro i cechi però cambia, si da una svegliata e torna il Bernardeschi che tutti conosciamo, un giocatore con una grande tecnica e con una grande determinazione e si dimostra un grande motivatore.


Cerri: S.V.

Ha giocato poco, poteva avere più chance.

Reparto offensivo: 5.5

È mancata la punta, ma sulle fascie ottimi gli azzurrini. Gli uomini di Di Biagio hanno colpito al momento giusto.

Di Biagio: 4.5

Ha avuto ragione su dei cambi, ma ha sbagliato molto: in primis i convocati. Riprendo il discorso dei terzini, Di Biagio aveva portato Murru, Barreca e Biraschi. Perché hai portato tre terzini? Era necessario portare la riserva della riserva? Ma la cosa ancora più stupida, è che Murru si fa male e Di Biagio al suo posto lo sostituisce non con un titolare, ma con una terza riserva, perché non ti sei portato un attaccate visto che sapevamo di non essere messi benissimo.
Secondo errore del nostro tecnico sono state le formazioni, decide di fare un turnover inutile contro la Repubblica Ceca e poi contro la Spagna decide di riconfermare Petagna, non dando possibilità a Cerri. Ma Cerri non è stato il solo a non essere utilizzato, infatti a mio avviso si poteva mettere Cragno o Scuffet al posto di Donnarumma che non ha aveva stupito.


Queste erano le mie considerazioni e le mie analisi, fatemi sapere le vostre, vi ricordo di seguire le pagine Instagram e Google+ e mettere mi piace alla Pagina Facebook. Ecco i link.

Pagina Facebook
Pagina Google+
Pagina Instagram

Un saluto ci vediamo domani con un nuovo articolo.



A cura di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…