Passa ai contenuti principali

Milan in crisi? Non è vero


Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

La brutta sconfitta a Genova contro la Sampdoria l'ambiente rossonero è stato scosso, pesanti critiche sono arrivate dai tifosi e non solo all'indirizzo di giocatori, società e allenatore, si parla di crisi, si attribuiscono tutte le colpe a Montella e anche giocatori del calibro di Bonucci hanno ricevuto pesanti critiche.

Lontano da San Siro il Milan non ha fatto benissimo, anzi, salvo le vittorie in campionato contro il Crotone e in Europa League contro l'Austria Vienna, i rossoneri nelle trasferte di Roma con avversaria Lazio e l'ultima di Genova contro i blucerchiati hanno subito pesanti umiliazioni offrendo prestazioni orrende. Mentre davanti ai propri tifosi sono maturati solo successi.


È partito sui social l'hashtag MontellaOut ma in realtà la causa di queste sconfitte non è Montella, dobbiamo ricordarci che il tecnico campano si è trovato una rosa quasi totalmente rivoluzionata rispetto allo scorso anno e che il Milan non è stato costruito per vincere lo scudetto, quindi può "permettersi" qualche sconfitta, ad inizio stagione si sapeva che primo o poi il Milan avrebbe avuto qualche difficoltà visto il mercato ha portato 11 nomi nuovi.
Le piazze delle due milanesi sono molto indulgenti e severe, e per quanto sono tifoserie straordinarie e attaccate alla maglia al primo errore tendono a criticare pesantemente tutto e tutti, ricordamoci che Montella lo scorso anno con una rosa non di altissimo livello ha vinto la Supercoppa Italiana e ha riportato il Milan in Europa.

Di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…