Passa ai contenuti principali

Il Barça è tornato, la Juve affonda al Camp Nou



Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Un Barça che viene da un inizio straordinario di Liga con 3 vittorie su tre, nove gol fatti e zero subiti, e dalla manita nel Derby con l'Espanyol, ospita al Camp Nou la Juve in piena emergenza infortuni, fuori Khedira, Mandzukic, Marchisio e Höwedes. L'ultima volta finì con un pari che eliminò i Blaugrana, ma questo è un Barça diverso, questo è il Barça di Valverde. L'allenatore dei catalani, si affida Ter Stegen, Semedo, Piqué, Umtiti, Jordi Alba, Busquets, Rakitic, Iniesta, Dembélé, Messi e Suarez. Allegri risponde con Buffon, De Sciglio, Barzagli, Benatia, Alex Sandro, Pjanic, Matuidi, Bentancur, Dybala, Costa e Higuain.

La Juve inizia con l'atteggiamento giusto, crea qualche occasione, la prima con De Sciglio che sfiora il palo dopo una grande parata di Ter Stegen, le altre conclusioni non sono un problema per Ter Stegen che si mostra sicuro. I padroni di casa rispondono poco prima del 20esimo, Messi prova a far passare la palla sotto la barriera su punizione, la conclusione viene murata, Suarez si avventa sul pallone e
calcia in porta, trova una grandissimo riflesso di Buffon. Ma il gol del Barça è solo rimandato perché al 45' l'uno-due tra Messi e Suarez è micidiale e la pulce mette a segno il primo gol in carriera alla Juve, il primo a Buffon.


Al terzo della ripresa si vede Dybala, ma la sua conclusione finisce alta sopra la traversa, più precisa è la conclusione di Messi che dal limite dell'area colpisce il palo, la palla rimbalza sulla schiena di Buffon e finisce in corner. Cinque minuti dopo, Benatia sbaglia la palla in uscita, Messi entra in area e mette in mezzo, Sturaro respinge corto e Rakitic mette a segno il raddoppio a porta spalancata, secondo gol per lui contro la Juve dopo quello realizzato a Berlino. Ma la partita non è finita, la pulce sfiora la doppietta, trova un grande Buffon sulla sua conclusione su calcio di punizione. Ma l'argentino al 69esimo affonda la Juve, servito da Iniesta Messi salta Alex Sandro e Benatia prima di mettere dentro il diagonale del 3-0, un capolavoro.


Dieci minuti dopo il Barça va vicino al poker, Suarez servito da un lancio perfetto di Jordi Alba e mette dentro ma il gioco era fermo per l'offside dell'uruguayo. Finisce una partita giocata benissimo dai Blaugrana di Valverde, che dimostrano di essere una grandissima squadra in una condizione straordinaria. Juve che nel primo tempo non fa male, ma non scende in campo nella ripresa e si fa distruggere da uno straordinario Barça. Sicuramente hanno inciso anche le assenze ma la fase difensiva e il centrocampo veramente pessimi, difficile però fermare un certo Leo Messi.

Pagelle:

Ter Stegen: 6.5

Sicuro quando chiamato in causa, bella prestazione.

Semedo: 7

Dal suo lato nessun pericolo, sta dimostrando di essere il terzino che è mancato al Barça.

Piqué: 7

Una roccia, nessun errore. Molto bene.

Umtiti: 7

Bene anche il francese, molto bravo a coprire la sua zona.

Jordi Alba: 7+

Anche lui monumentale, Bentancur e Bernardeschi non hanno potuto niente. Decisivo anche in un paio di interventi e molto bene anche la fase offensiva.

Busquets: 7

Tempi di gioco perfetti, ha sotto controllo la situazione dal primo all'ultimo minuto.

Rakitic: 7.5

Prestazione straordinaria coronata anche da una rete.

Iniesta: 8

Straordinario, ha recuperato totalmente la condizione fisica.

Dembélé: 7

Si sta ambientando, ma ha fatto molto bene.

Messi: 9.5

Prestazione straordinaria sotto tutti i punti di vista, due reti che sarebbero potute essere di più visto che ha colpito un palo e che ha trovato due miracoli di Buffon.

Suarez: 7

Ha dovuto sacrificarsi molto, ma comunque ha offerto un'ottima prestazione.

Sergi Roberto: 6+

Non ha inciso molto, ma non ha fatto male.

Paulinho: 6.5

Ha giocato poco però ha fatto bene.

Gomes: S.V.

Ha giocato troppo poco.

Valverde: 8

Partita preparata benissimo, sta portando il Barça ad un livello altissimo.

Complessivo: 9

Prestazione straordinaria, da urlo contro una delle candidate per la vittoria finale.


Buffon: 6.5

Il migliore della Juve, ha salvato i bianconeri perché il risultato sarebbe potuto essere ancora più passivo.

De Sciglio: 6.5

Molto bene in fase difensiva, quando si fa male il suo rendimento cala drasticamente, Allegri è costretto a sostituirlo e la Juve crolla. Ha anche sfiorato il gol.

Barzagli: 5.5

Prestazione non da incorniciare per il numero 15, anche se per lui non è stato un completo disastro.

Benatia: 4

Pessimo, in quasi tutte le azioni del Barça parte della colpa è sua, ha sbagliato di tutto, sembrava un giocatore di quattro categorie inferiore.

Alex Sandro: 5

Non ha fatto una prestazione straordinaria ma un po come Barzagli non è stato disastroso.

Pjanic: 6+

Il Bosniaco ha provato ad impostare ma la brutta prestazione dei compagni e quella magnifica degli avversari lo hanno ostacolato.

Matudi: 5-

Non ha per niente inciso.

Bentancur: 6

Non ha fatto male, nonostante non abbia tanti minuti nelle gambe ed è senza esperienza internazionale.

Dybala: 4.5

Alcuni lo paragonavano a Messi, ieri abbiamo avuto la prova che non avevano mai visto la Pulce giocare.

Douglas Costa: 6+

Ha provato ad essere pericoloso ma non c'è riuscito, il migliore comunque nella fase offensiva.

Higuain: 4

Non è sceso in campo. Ma non è l'unica cosa della quale si deve vergognare visto quel gestaccio.

Sturaro: 4+

Ha finito di rovinare la Juve con una prestazione pessima unita alla rete che ha regalato ai blaugrana.

Bernardeschi: 5.5

Ha provato a fare qualcosa ma non ne è stato capace.

Caligara: S.V.

In cinque minuti di gioco ha inciso quanto Higuain nonostante abbia toccato un solo pallone.

Allegri: 4.5

Partita preparata realmente male come se non fosse stata importante.

Complessivo: 4

Primo tempo abbastanza buono, nella ripresa la Juve non è scesa in campo.


Segui le pagine Instagram, Facebook e Google+ de "Il Blog del Tifoso" troverai numerosi aggiornamenti sul mondo dello sport, ma non solo: probabili formazioni, le ultime dai campi di Serie A, UCL, UEL, e delle partite della nazionale, consigli per il tuo Fantacalcio, sondaggi e tanto altro.

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

Pagella Juventus 2016-2017

Pagella Juventus F.C.

Pagina Facebook

La Juventus anche quest'anno porta a casa sia la Tim Cup, sia la Serie A ma non riesce a vincere il suo reale obbiettivo, ovvero la Champions League dove si ferma solo in finale. Andiamo ad analizzare nello specifico le prestazioni dei singoli giocatori.
Voti in collaborazione con Mr. Tag Stefan
Descrizione a cura di Simone Palumbo

Gianluigi Buffon
: 8

A 39 anni è ancora uno dei giocatori chiave della Juve, spesso salva i bianconeri con interventi prodigiosi, peccato che non è riuscito ad alzare quel maledetto trofeo.

Neto Murara: 6

Quando viene chiamato in causa spesso fa desiderare, ma non è facile reggere il confronto con Buffon. Nel complesso offre buone prestazioni.

Elmil Audero: S.V.

Solo l'ultima giornata di campionato non è sufficiente per giudicare le prestazioni del portiere Italo-Singaporiano.

Giorgio Chiellini: 7.5

Ottima stagione per il gorilla che si conferma uno dei migliori al mondo nel suo ruolo, quest'anno si …

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…