Passa ai contenuti principali

Il Mercato che farei F.C. INTERNAZIONALE MILANO

Il Mercato che farei F.C. Internazionale Milano 





Eccoci tornati con un nuovo articolo del mercato che farei, oggi parliamo dell'Inter. I neroazzurri hanno avuto una stagione sotto le attese, infatti non solo non hanno raggiunto il piazzamento Champions, ma neanche quello valido per la UEFA Europa League. Grandi colpe sono della difesa, i terzini non hanno reso al meglio e solo Miranda e Handanovic si salvano. Analizziamo nel dettaglio il reparto difensivo:

Trai pali:
Handanovic
Carizzo
Berni
Bardi
Radu
Di Gennaro

Non rinnoverei il contratto ne a Carizzo ne a Berni, dunque li manderei via a zero. Bardi lo cederei per un paio di milioni insieme a Di Gennaro, mentre Radu lo terrei come terzo. I neroazzurri hanno preso Padelli a zero per fargli fare il secondo. Per il discorso centrali, l'Inter ha quasi preso Pepe dal Real Madrid sempre a zero, Miranda assolutamente da tenere come anche Murillo (quest'ultimo farà la riserva). Proverei a prendere Manolas dalla Roma, i giallorossi si lascerebbero convincere da un'offerta sui 40 milioni. Sempre dalla capitale prenderei De Vraj oppure, obbiettivo più difficile, Bartra del Borussia Dortmund. Terrei Sansubury che non ha mai giocato con la maglia neroazzurra. Venderi Andreolli e Ranocchia, anche se l'ex Bari si potrebbe tenere come riserva. Lasciarei andare in prestito Yao. Sulle fascie i terzini sono:

D'Ambrosio
Santon
Nagatomo
Ansaldi
Miangue
Di Marco

Li venderi tutti, Miangue in prestito, gli altri a titolo definitivo anche se Santon e D'Ambrosio potrebbero fare le riserve insieme a Di Marco. Andrei ad acquistare sulla fascia destra almeno uno tra Vrsaljko e Hysaj che conoscono bene il campionato italiano. Dalla parte opposta tenterei un altro obbiettivo difficile, Raphaël Guerreiro sempre del Dortmund le alternative sarebbero Digne del Barça che ha anche fatto un anno in A con la Roma, oppure Ricardo Rodriguez più vicino al Milan.

La difesa sarebbe composta quindi da:

Handanovic
Padelli
Radu

Miranda
Pepe
Manolas
Bartra (De Vraj)
Murillo

Vrsaljko (Hysaj)
D'Ambrosio (Santon)
Di Marco

Guerreiro (Digne/Rodriguez)
Santon


Ora passiamo al centrocampo

Gli uomini sono:

Brozovic
Kondogbia
Gagliardini
Joao Mario
Banega
Medel
Gnoukouri

Banega, Gagliardini e Mario assolutamente da tenere, Mario e Banega possono anche giocare sulla trequarti motivo in più per riconfermarli. Terrei anche Medel, che ha cattiveria in mezzo al campo, in più con Pioli ha giocato anche in difesa. Brozovic lo venderi insieme a Kondogbia e Gnoukouri. Prenderei Verratti, anche se è nella lista di molte Big d'Europa e Nainggolan. Il nuovo centrocampo sarebbe composto da:

Verratti
Nainggolan
Gagliardini
Medel
Banega
Mario

Sugli esterni troviamo Perisic, Candreva, Gabigol e Eder. Li terrei tutti, blindando Perisic che è un giocatore completo. Proverei ad arrivare a Di Maria, tenendo Perisic come ho appena detto. L'Argentino potrebbe giocare sulla trequarti con sostituti Benaga e Mario. Per la prima punta, Palacio andrà via a zero mentre terrei Icardi, Jovetic sarà riscattato dal Sevilla, infine venderi Biabiany, Longo e Manaj mandando in prestito Pinamonti. Bisogna quindi comprare un sostituito di Icardi, il profilo potrebbe essere quello di Schick oppure Giroud dell'Arsenal.


Ricapitolando

Acquisti:

Padelli
Pepe
Manolas
Bartra (De Vraj)
Vrsaljko (Hysaj)
Guerreiro (Digne/Rodriguez)
Verratti
Nainggolan
Di Maria
Schick (Giroud)

Cessioni:

Carizzo
Berni
Bardi
Di Gennaro
Andreolli
(Ranocchia)

(D'Ambrosio)
(Santon)
Nagatomo
Ansaldi
Miangue
Brozovic
Kondogbia
Gnoukouri
Palacio
Jovetic
Biabiany
Longo
Manaj
(Pinamonti)

Un'eventuale formazione tipo sarebbe composta da:

Handanovic
Vrsaljko (Hysaj)/Santon (D'Ambrosio)
Miranda/Pepe/Murillo
Manolas/Bartra (De Vraj)/Murillo
Guerreiro (Digne)/Santon
Verratti/Mario/Banega
Nainggolan/Gagliardini/Medel
Candreva/Gabigol/Eder/Di Maria
Di Maria/Banega/Mario/Eder
Perisic/Di Maria/Eder/Gabigol
Icardi/Schick (Giroud)/Gabigol/Pinamonti/Eder




Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…