Passa ai contenuti principali

Il Mercato che farei F.C. INTERNAZIONALE MILANO

Il Mercato che farei F.C. Internazionale Milano 





Eccoci tornati con un nuovo articolo del mercato che farei, oggi parliamo dell'Inter. I neroazzurri hanno avuto una stagione sotto le attese, infatti non solo non hanno raggiunto il piazzamento Champions, ma neanche quello valido per la UEFA Europa League. Grandi colpe sono della difesa, i terzini non hanno reso al meglio e solo Miranda e Handanovic si salvano. Analizziamo nel dettaglio il reparto difensivo:

Trai pali:
Handanovic
Carizzo
Berni
Bardi
Radu
Di Gennaro

Non rinnoverei il contratto ne a Carizzo ne a Berni, dunque li manderei via a zero. Bardi lo cederei per un paio di milioni insieme a Di Gennaro, mentre Radu lo terrei come terzo. I neroazzurri hanno preso Padelli a zero per fargli fare il secondo. Per il discorso centrali, l'Inter ha quasi preso Pepe dal Real Madrid sempre a zero, Miranda assolutamente da tenere come anche Murillo (quest'ultimo farà la riserva). Proverei a prendere Manolas dalla Roma, i giallorossi si lascerebbero convincere da un'offerta sui 40 milioni. Sempre dalla capitale prenderei De Vraj oppure, obbiettivo più difficile, Bartra del Borussia Dortmund. Terrei Sansubury che non ha mai giocato con la maglia neroazzurra. Venderi Andreolli e Ranocchia, anche se l'ex Bari si potrebbe tenere come riserva. Lasciarei andare in prestito Yao. Sulle fascie i terzini sono:

D'Ambrosio
Santon
Nagatomo
Ansaldi
Miangue
Di Marco

Li venderi tutti, Miangue in prestito, gli altri a titolo definitivo anche se Santon e D'Ambrosio potrebbero fare le riserve insieme a Di Marco. Andrei ad acquistare sulla fascia destra almeno uno tra Vrsaljko e Hysaj che conoscono bene il campionato italiano. Dalla parte opposta tenterei un altro obbiettivo difficile, Raphaël Guerreiro sempre del Dortmund le alternative sarebbero Digne del Barça che ha anche fatto un anno in A con la Roma, oppure Ricardo Rodriguez più vicino al Milan.

La difesa sarebbe composta quindi da:

Handanovic
Padelli
Radu

Miranda
Pepe
Manolas
Bartra (De Vraj)
Murillo

Vrsaljko (Hysaj)
D'Ambrosio (Santon)
Di Marco

Guerreiro (Digne/Rodriguez)
Santon


Ora passiamo al centrocampo

Gli uomini sono:

Brozovic
Kondogbia
Gagliardini
Joao Mario
Banega
Medel
Gnoukouri

Banega, Gagliardini e Mario assolutamente da tenere, Mario e Banega possono anche giocare sulla trequarti motivo in più per riconfermarli. Terrei anche Medel, che ha cattiveria in mezzo al campo, in più con Pioli ha giocato anche in difesa. Brozovic lo venderi insieme a Kondogbia e Gnoukouri. Prenderei Verratti, anche se è nella lista di molte Big d'Europa e Nainggolan. Il nuovo centrocampo sarebbe composto da:

Verratti
Nainggolan
Gagliardini
Medel
Banega
Mario

Sugli esterni troviamo Perisic, Candreva, Gabigol e Eder. Li terrei tutti, blindando Perisic che è un giocatore completo. Proverei ad arrivare a Di Maria, tenendo Perisic come ho appena detto. L'Argentino potrebbe giocare sulla trequarti con sostituti Benaga e Mario. Per la prima punta, Palacio andrà via a zero mentre terrei Icardi, Jovetic sarà riscattato dal Sevilla, infine venderi Biabiany, Longo e Manaj mandando in prestito Pinamonti. Bisogna quindi comprare un sostituito di Icardi, il profilo potrebbe essere quello di Schick oppure Giroud dell'Arsenal.


Ricapitolando

Acquisti:

Padelli
Pepe
Manolas
Bartra (De Vraj)
Vrsaljko (Hysaj)
Guerreiro (Digne/Rodriguez)
Verratti
Nainggolan
Di Maria
Schick (Giroud)

Cessioni:

Carizzo
Berni
Bardi
Di Gennaro
Andreolli
(Ranocchia)

(D'Ambrosio)
(Santon)
Nagatomo
Ansaldi
Miangue
Brozovic
Kondogbia
Gnoukouri
Palacio
Jovetic
Biabiany
Longo
Manaj
(Pinamonti)

Un'eventuale formazione tipo sarebbe composta da:

Handanovic
Vrsaljko (Hysaj)/Santon (D'Ambrosio)
Miranda/Pepe/Murillo
Manolas/Bartra (De Vraj)/Murillo
Guerreiro (Digne)/Santon
Verratti/Mario/Banega
Nainggolan/Gagliardini/Medel
Candreva/Gabigol/Eder/Di Maria
Di Maria/Banega/Mario/Eder
Perisic/Di Maria/Eder/Gabigol
Icardi/Schick (Giroud)/Gabigol/Pinamonti/Eder




Commenti

Post popolari in questo blog

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

Pagella Juventus 2016-2017

Pagella Juventus F.C.

Pagina Facebook

La Juventus anche quest'anno porta a casa sia la Tim Cup, sia la Serie A ma non riesce a vincere il suo reale obbiettivo, ovvero la Champions League dove si ferma solo in finale. Andiamo ad analizzare nello specifico le prestazioni dei singoli giocatori.
Voti in collaborazione con Mr. Tag Stefan
Descrizione a cura di Simone Palumbo

Gianluigi Buffon
: 8

A 39 anni è ancora uno dei giocatori chiave della Juve, spesso salva i bianconeri con interventi prodigiosi, peccato che non è riuscito ad alzare quel maledetto trofeo.

Neto Murara: 6

Quando viene chiamato in causa spesso fa desiderare, ma non è facile reggere il confronto con Buffon. Nel complesso offre buone prestazioni.

Elmil Audero: S.V.

Solo l'ultima giornata di campionato non è sufficiente per giudicare le prestazioni del portiere Italo-Singaporiano.

Giorgio Chiellini: 7.5

Ottima stagione per il gorilla che si conferma uno dei migliori al mondo nel suo ruolo, quest'anno si …

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…