Passa ai contenuti principali

Analisi primo GP F1 2017

Analisi primo Gran Premio F1 2017


In questo articolo andremo ad analizzare la prima gara nel mondiale di Formula 1 della stagione 2017, disputata a Melbourne Domenica scorsa.

Questa stagione si è presentata senza nessuno che dovesse difendere il titolo piloti, a causa del ritiro di Nico Rosberg. Al suo posto la Mercedes (Che rimane sempre l'avversario da battere) ingaggia il finlandese, ormai ex Williams, Valteri Bottas. Ci sono stati altri trasferimenti nel mercato piloti, quali il passaggio di Hulkenberg dalla Force India (Che quest'anno ha cambiato livrea in un bruttissimo Rosa-Nero) alla Renault, che ha tagliato Magnussen andato alla Haas.
Per il primo Gran Premio della stagione da forfait Pascal Wehrlein e al suo posto in Sauber gareggia l'Italiano in prestito dalla Ferrari, Antonio Giovinazzi con la sua numero 36. Erano sei anni che non correva un italiano in F1.

Detto questo passiamo alla gara

In prima fila troviamo il solito Hamilton e Sebastian Vettel, staccato di soli due decimi nelle qualifiche. La seconda fila è formata dai compagni di squadra dei piloti in testa, invece le Red Bull non entusiasmano: Verstappen parte quinto, Ricciardo dai box a causa di un problema alla vettura. Buono il piazzamento di Grosjean sesto.
Dopo due giri di ricognizione, causa mal posizonamento della vettura di Hulkenberg sulla sua piazzola, la gara iniza con le posizioni che cambiano nelle prime file, Raikkonen riesce a tenere la posizione su Verstappen, mentre Hamilton non riesce a scappare, alla prima curva da notare l'incidente che mette fine alla corsa di Ericsson, il primo della lunga lista dei ritirati.
Il tre volte campione inglese della Mercedes, prova a fare la lepre ma qui si vede il grande sviluppo e il lavoro della Ferrari, Vettel rimane incollato alla freccia d'argento numero 44 e, una volta fatte le soste il tedesco si ritrova davanti all'inglese ostacolato anche da Verstappen e dal suo tentativo di sorpasso nei confronti di Seb.
A quel punto la gara è in pugno, il Ferrarista sorpassa il compagno di squadra rientrato ai box e va al comando della corsa, comando che non lascerà più fino alla bandiera a scacchi. La Rossa torna a vincere e torna a suonare l'inno italiano dopo l'ultima volta nel gran premio di Singapore del 2015, GP vinto proprio da Sebastian Vettel. Questa gara dimostra come la Ferrari abbia lavorato bene in questi mesi, non solo la vittoria è arrivata a Melbourne ma Ablert Park ha tolto anche la soddisfazione a Kimi Raikkonen di fare il giro più veloce

La Classifica Finale

1 Sebastian Vettel             (Ferrari)
2 Lewis Hamilton             (Mercedes)
3 Valtteri Bottas                (Mercedes)
4 Kimi Raikkonen             (Ferrari)
5 Max Verstappen            (Red Bull)
6 Felipe Massa                  (Williams)
7 Sergio Perez                   (Force India)
8 Carlos Sainz                   (Toro Rosso)
9 Daniil Kvyat                   (Toro Rosso)
10 Esteban Ocon              (Force India)
11 Niko Hulkenberg        (Renault)
12 Antonio Giovinazzi    (Sauber)
13 Stoffel Vandoorne      (McLaren)
(Out) Fernando Alonso  (McLaren)
(Out) Kevin Magnussen (Haas)
(Out) Lance Stroll            (Williams)
(Out) Daniel Ricciardo   (Red-Bull)
(Out) Marcus Ericsson    (Sauber)
(Out) Jolyon Palmer        (Renault)
(Out) Romain Grosjean  (Haas)




Commenti

Post popolari in questo blog

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

Pagella Juventus 2016-2017

Pagella Juventus F.C.

Pagina Facebook

La Juventus anche quest'anno porta a casa sia la Tim Cup, sia la Serie A ma non riesce a vincere il suo reale obbiettivo, ovvero la Champions League dove si ferma solo in finale. Andiamo ad analizzare nello specifico le prestazioni dei singoli giocatori.
Voti in collaborazione con Mr. Tag Stefan
Descrizione a cura di Simone Palumbo

Gianluigi Buffon
: 8

A 39 anni è ancora uno dei giocatori chiave della Juve, spesso salva i bianconeri con interventi prodigiosi, peccato che non è riuscito ad alzare quel maledetto trofeo.

Neto Murara: 6

Quando viene chiamato in causa spesso fa desiderare, ma non è facile reggere il confronto con Buffon. Nel complesso offre buone prestazioni.

Elmil Audero: S.V.

Solo l'ultima giornata di campionato non è sufficiente per giudicare le prestazioni del portiere Italo-Singaporiano.

Giorgio Chiellini: 7.5

Ottima stagione per il gorilla che si conferma uno dei migliori al mondo nel suo ruolo, quest'anno si …

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…