Passa ai contenuti principali

Italia: o si cambia o si resta a casa


Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della nostra difesa causata della simulazione di uno degli attaccanti gialloblù. Sbagliate anche le scelte di Ventura, in una partita dove giochi così male non puoi non effettuare la terza sostituzione e non puoi iniziare a cambiare qualcosa così tardi. Azzurri sfortunati anche in occasione del palo colpito da Matteo Darmian, ma questo non cambia il fatto che l'Italia non sia proprio scesa in campo. Mancava l'organizzazione, e oltre ai numerossimi errori personali, non esisteva uno stile di gioco, sembravano dei ragazzi che non avevano mai giocato a calcio.


Le prestazioni dei singoli
Le prestazioni opache dei singoli hanno influenzato il risultato sicuramente, abbiamo infatti assisto all'ennesima prestazione orrenda di Verratti in nazionale, ad un Candreva che se pur si sia impegnato, non ha fatto un cross buono, sbagliando anche il tipo di traversone visto che ha fatto una marea di cross morbidi che sono stati facilmente intercettati dai tanti centimetri in altezza degli svedesi, ad un Immobile irriconoscibile, ed ad un Gallo Belotti in condizione fisica pessima che ha giocato forse la peggior partita in carriera o almeno la peggiore da quando gioca ad alti livelli.

Cosa cambiare a San Siro

Alla Friends Arena il problema non è stato neanche tanto di uomini (anche) ma dell'atteggiamento, abbiamo visto come già detto, una squadra senza cattiveria e senza grinta. Questa sarà la prima cosa da cambiare lunedì se vogliamo andare ai mondiali. A livello di formazioni Jorginho sarebbe l'ideale per sostituire Marco Verratti a centrocampo ed è da valutare la condizione di Belotti, che se non riuscisse a recuperare la forma si potrebbe sostituire con Eder o con Insigne alle spalle di Ciro Immobile. In una partita così tosta però, si potrebbero anche chiamare giocatori esperti e con tanta voglia di far bene, quali Thiago Motta, Balotelli e perchè no, Sebastiano Giovinco.


Di Simone Palumbo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Che partita... orrenda, l'Italia ne prende tre al Bernabéu. Le cause della sconfitta

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

"Vi stupiremo" queste le parole di Ventura alla vigilia del match contro gli iberci, e almeno su questo il tecnico della nazionale non ha sbagliato, nessuno però si aspettava una prestazione così brutta degli azzurri che in partita non sono mai entrati, giornata perfetta per la Spagna che ha potuto fare tutto quello che voleva, si è goduta le giocate di Isco e il ritorno del suo miglior marcatore, David Villa.


Ma quali sono le cause di questa pesante sconfitta?
Sicuramente il modulo ha inciso, le partite si vincono a centrocampo e non ti puoi permettere di andare ad affrontare la Spagna, che fa del possesso la sua arma migliore, con solo due uomini in mezzo al campo. Ma questo non è l'unico motivo per il quale l'ipotesi 4-2-4 doveva essere scartata immediatamente, gli azzurri contro la Roja si sono schierati con Darmian e Spinazzola, due che nei rispettivi campionati non hanno giocato neanche un minuto, e sebbene Darmian …

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…