Passa ai contenuti principali

Analisi semifinali di ritorno TIM CUP 2016/2017 (Seconda parte)



Analisi semifinali di Ritorno TIM CUP 2016/2017 


Napoli-Juventus

Il risultato partiva favorevole per i bianconeri, gli uomini di Allegri riescono a contenere i padroni di casa e a creare numerosi pericoli, infatti trovano il gol del vantaggio con l'ex Higuain, ovviamente fischiatissimo dal San Paolo. Nella ripresa c'è più Napoli che trova con il suo capitano Marek Hamsik il pareggio, il Napoli ha più carattere e le cose sembrerebbero mettersi sulla strada giusta, ma Chiriches non chiude Higuain che trova il 1-2 da posizione centrale. Al sessantesimo Sarri decide di sostituire Milik con Dries Mertens, effettuato il cambio la Juve può battere la rimessa laterale il pallone viene dato a Neto che nel girarsi sbaglia e Mertens, da gran approfittatore, mette dentro. Il Folletto Belga realizza il 2-2 a pochi secondi dal suo ingresso. Gli azzurri spingono e trovano anche il 3-2, la Juve soffre tanto, ma alla fine porta a casa la finale. Il Napoli fallisce molte occasioni nel finale e sciupa l'accesso alla partita con la Lazio. Nel complessivo partita molto bella e spettacolare.





Le mie pagelle:

Napoli:

Reina: 5.5
Hysaj: 6.0
Chiriches: 5.0
Koulibaly: 6.0
Goulham 5.5
Zielinski: 5.0
Diawara: 5.0
Hamsik: 6.5
Callejon: 6.0
Milik: 5.5
Insigne: 6.0
Mertens: 6.5
Pavoletti: 6.0
Allan: SV

Gli azzurri hanno concesso troppo nel primo tempo, Chiriches uno dei peggiori del Napoli, due errori fondamentali ma una partita non completamente pessima per il difensore rumeno. In attacco buoni tutti ad eccezione di Zielinski che è sembrato molto in difficoltà.

Juventus:

Neto: 5.5
Dani Alves 5.0
Benatia: 5.0
Bonucci: 6.0
Alex Sandro: 6.0
Khedira: 5.5
Rincon: 5.5
Cuadrado: 5.5
Dybala: 5.0
Sturaro: 5.5
Higuain: 6.5
Pjanic: 5.5
Barzagli: 6.5
Lemina: SV

Ottima la partita dei bianconeri in fase, molto buona in fase offensiva. Hanno colpito al momento giusto ma hanno rischiato un po troppo.

Mister:

Maurizio Sarri: 5.5

Ha fatto bene i cambi ma sono bastati a conquistare la finale, il Napoli ha concesso troppo nel primo tempo e non è riuscito a ribaltare la partita

Massimiliano Allegri: 5.5

Partita preparata bene, anche se la sua squadra ha sofferto un po troppo. Ma quello che conta è aver portato a casa il risultato

Direttore di gara:

Luca Banti: 5.0

Pessimo arbitraggio, non ha visto tantissimi falli ma comunque non ha favorito nessuno


Commenti

Post popolari in questo blog

Italia: o si cambia o si resta a casa

Una sconfitta pesante da parte degli azzurri ieri sera alla Friends Arena contro la Svezia, una bruttissima prestazione degli azzurri, complice anche un arbitraggio scandaloso e un gioco molto scorretto dei giocatori svedesi. Tutti questi elementi messi assieme hanno portato ad un risultato che non ci fa per nulla piacere. Al ritorno a San Siro infatti, sarà assolutamente vietato prendere gol e bisognerà fare la partita perfetta se questa nazionale non vuole entrare nella storia per non essersi qualificata ai mondiali.

Il riassunto della partita
L'Italia sbaglia completamente l'approccio alla gara, pochissime occasioni create, la squadra sembrava che stesse aspettando di prender gol, nel finale sono saliti tutti ma senza una vera organizzazione tattica, il risultato è stato condizionato anche dall'arbitraggio, molteplici sono stati i falli degli svedesi non sanzionati, i nostri sono stati massacrati fisicamente, per non parlare del gol preso, nato da una distrazione della…

Ora Gerard tocca a te

Pagina Instagram
Pagina Facebook
Pagina Google+

Nella vittoria a Madrid contro il Getafe Valverde perde uno dei pezzi più pregiati della sua rosa, l'uomo mercato della calda estate blaugrana, chiamato a sostituire Neymar, ma che ora dovrà recuperare sia dall'infortunio, sia la condizione fisica e in più non sarà ancora integrato con il resto della squadra, quasi una stagione buttata per un "ragazzino" pagato quasi 150 milioni, ora costretto a star fermo per almeno 4 mesi.
Ma come l'infortunio di Milik nel Napoli, ha permesso di scoprire a Sarri la dote di bomber di Mertens, Valverde ora può puntare sul talento di Gerard Deulofeu, il canterano da quando è tornato ha sempre offerto grandi prestazioni quando è stato chiamato in causa. Ma l'ex Everton non è l'unico giocatore disponibile per Valverde in quel ruolo, l'infortunio di Dembélé da spazio anche a due giocatori quali Denis Suarez e Arda Turan, due giocatori pieni di talento ma che devono essere recu…

L'Italia si ferma contro il muro Spagna, fine del sogno azzurro. Analisi Euro U21, Spagna-Italia

Pagina Facebook
Pagina Instagram
Pagina Google+

A Cracovia l'Italia arriva senza Berardi e Conti per squalifica, li sostituiscono Calabria e Petagna. Gli azzurrini si trovano davanti la Spagna, l'avversario più tosto dell'Europeo.


La Spagna addormenta la partita con il solito Tiki-Taka e il ritmo è lento, non ci sono grandi azioni in un primo tempo squallido.
Inizia la ripresa, e ci sono ancora poche azioni. L'Italia difende molto bene ma al 53esimo lasciano uno spazio gli azzurrini e Saúl mette dentro da fuori area.
Al 58esimo fallo di frustrazione di Gagliardini, era già ammonito, doppio giallo in dieci gli azzurrini. Uomini di Di Biagio ci credono e con un'azione spettacolare dell'Italia in particolare di Bernardeschi, porta tutti a spazio poi il suo sinistro deviato finisce in rete.
Per la terza volta, si alza Cerri l'Italia segna.
La Spagna reagisce subito, dalla distanza sempre Saúl. In ritardo Donnarumma. Entra Cerri per Petagna al 73' l'It…